Locarno, a Agnès Varda il Pardo d’Onore

Agnès Varda riceverà il Pardo d’Onore Swisscom alla 67esima edizione del Festival del Film Locarno (6 – 16 agosto).

Prevista per l’occasione anche una retrospettiva dedicata alla regista che proporrà alcuni lungometraggi — “Cleo dalle 5 alle 7″ (“Cléo de 5 à 7″, 1962), “Les Créatures” (1966), “Lions Love (…and Lies)” (1969), “Documenteur” (1981), “Senza tetto né legge” (“Sans toit ni loi”, 1985), “Les glaneurs et la glaneuse” (2000) e “Les Plages d’Agnès” (2008) —  il cortometraggio “Oncle Yanc”o (1967), nonché i cinque episodi della serie televisiva “Agnès de ci de là Varda” (2011).

«Sono particolarmente felice — dice il direttore del Festival Carlo Chatrian — di accogliere Agnès Varda a Locarno e di poter ripercorrerne la carriera. Narratrice e testimone di tanti fermenti che hanno attraversato il XX secolo, ha fatto della ricerca linguistica e della libertà formale la sua regola. Tanto nei suoi film più noti (“Cléo de 5 à 7″, “Sans toit ni loi”) quanto in quelli da riscoprire (“Lions Love (…and Lies)”, “Documenteur”), tanto nelle finzioni con attori celebri quanto nei documentari (“Les glaneurs et la glaneuse”), Varda ci ricorda che il cinema è un atto di creazione che implica il coinvolgimento emotivo e politico del soggetto che sta dietro la macchina da presa o la dirige. In un Festival che vuole essere la casa del cinema indipendente, il Pardo d’onore ad Agnès Varda non è solo il giusto riconoscimento a una figura maggiore del cinema moderno ma anche un preciso segnale di una strada da percorrere».

Fonte: Comunicato

Scroll To Top