Mad Max, George Miller parla ancora dei due possibili sequel

In un’intervista con TopGear, il regista George Miller ha parlato nuovamente dei suoi progetti per il futuro, confermando quanto detto pochi giorni fa a Digital Spy, ma dando qualche informazione in più sui due sequel di “Mad Max: Fury Road” che vorrebbe realizzare.

«La pioggia ci ha costretto ad abbandonare l’Australia» ha detto Miller. «Nel deserto ha piovuto per la prima volta in 15 anni e siamo dovuti andare a girare in Sud Africa occidentale, in Namibia. Abbiamo però sfruttato il tempo perso a causa di questo per scavare in profondità nei retroscena, non solo dei personaggi, ma di ogni veicolo. Ad esempio su come i volanti siano diventati oggetti religiosi e cose del genere. Così ci siamo ritrovati con due sceneggiature, senza che le avessimo cercate veramente».

Poi, riguardo le trattative con Warner Bros. per realizzare i due sequel, Miller ha dichiarato: «stiamo parlando con lo studio sul da farsi, ma non sono sicuro quale delle due storie sarà quella del prossimo sequel».

Tuttavia, come abbiamo visto pochi giorni fa, Miller non sembra ancora pronto ad affrontare lo sforzo fisico e psicologico che richiede la produzione di un film come “Mad Max”.  «Voglio fare un piccolo film senza effetti speciali prima di fare tutto questo, solo per farlo in fretta» ha detto in regista. «Abbiamo girato “Fury Road” in otto mesi, che è davvero molto tempo. Ogni giorno con il caldo e la polvere, girando sequenze ricche di acrobazie, è stato davvero estenuante. Abbiamo pianificato altri due film, ma verranno realizzati in futuro».

Dunque, sembra che i prossimi sequel approfondiranno la mitologia dei veicoli che in “Mad Max: Fury Road” era, anche se sapientemente, solo accennata (QUI il nostro approfondimento), ma che si dovrà pazientare per poter sapere di più di quel mondo sfaccettato e complesso creato da George Miller.

Fonte: Top Gear

Scroll To Top