Maldestro al Teatro Sannazzaro di Napoli

Domani, 15 novembre 2017, Maldestro – al secolo Antonio Prestieri – in concerto al Teatro Sannazzaro di Napoli in apertura della rassegna “Sound of the City”, a cura dell’etichetta Jesce Sole.

Maldestro, cantautore partenopeo ormai noto alla scena nazionale grazie alla sua partecipazione alla scorsa edizione del Festival di Sanremo con “Canzone per Federica”, si farà investire di una duplice emozione dettata da un duplice ritorno ai suoi veri amori: Napoli e il teatro.
Noi di LoudVision lo abbiamo intervistato subito dopo l’uscita del suo ultimo album “I Muri di Berlino” e di teatro ne abbiamo parlato a lungo, dalle sue parole di autore trapelava  un profondo legame con questa realtà fatta di un palco e di tende rosse che creano una distanza finta con lo spettatore, ma che una volta aperte la dimensione diventa così intima da  rendere platea e palco un tutt’uno.
E su questo intimismo Maldestro ha costruito una carriera. Così come del suo amore/odio per Napoli, città che gli ha dato i natali ma anche un sacco di problemi, una realtà famigliare da cui scappare e denunciare pubblicamente e una voglia di riscatto sociale che magari altrove non sarebbe stata così impellente.
Ma dopo tutte queste premesse ciò che conta è che Antonio Prestieri, dopo aver raccolto successi un po’ ovunque, reduce da un fortunato ed intenso tour in giro per l’Italia, domani porterà in scena la sua musica nella sua città, e urlerà ancora a tutti che “I Muri di Berlino” sono quelli di “Napoli” così come quelli di “Roma”, di “Parigi” o di “New York”, e che – in quanto tali – nascono per essere scalati o abbattuti.
Quindi amici, armatevi di scalpelli, grimaldelli o trivelle, alimentate tutto dall’unica fonte di energia inesauribile che è la musica e – elmetto in testa e biglietto in mano – ci vediamo tutti lì, perchè “un uomo da solo si esplora, con gli altri invece migliora”.

Scroll To Top