Martelabel: Etichetta 3.0

La musica è in mutazione. Cambiano i supporti, svanisce la dimensione fisica, il suono si fa liquido. Cambia il rapporto tra artista e pubblico, più diretto e emozionale, meno distante ma più virtuale. Cambiano anche le riviste musicali e gli uffici stampa. Perché allora non dovrebbero cambiare le etichette?

Ad una domanda come questa risponde MArteLabel, l’etichetta della musica che cambia, un modo diverso di intendere il lavoro nella musica e per la musica, un progetto che guarda al domani saldando nel presente la propria profonda diversità.

LA DIFFERENZA È ECLETTICA
Laddove le etichette fanno “solo” le etichette MArteLabel è invece una costellazione di oltre 20 servizi per artisti, label, operatori musicali e festival. Una squadra giovane e motivata, nella quale ogni collaboratore è specializzato in un settore ben preciso.

MArteLabel è l’eclettica etichetta 3.0, premiata al MEDIMEX con il PIMI – “miglior etichetta indie 2012″, che ha lanciato gruppi come Nobraino e si presenta oggi con un cast di artisti innovativi e di qualità: Management Del Dolore Post Operatorio, Roberto Dellera, Giacomo Toni, Marzia Stano aka UNA, Underdog, Petramante, Inbred. I suoi artisti sono presenti nei maggiori eventi musicali nazionali (Primo maggio, Arezzo Wave, Carroponte festival, Generazione XL-Auditorium Parco della Musica, Premio Tenco) e internazionali (Sziget Festival, Hit Week, PopKomm), coinvolti in un progetto che fornisce esperienza, idee e innovazione ad ogni aspetto del mercato musicale odierno.

DISCHI, BIGLIETTI E TANTO LIVE
Per comprendere questa realtà basta fare un giro nella costellazione MArteLabel, magari partendo dal Network MArteLive System, (www.martelivesystem.net), il sistema organizzato di eventi, progetti e comunicazione che ruota tutto attorno al MArteLive (che nel 2013 si terrà il 10, il 17 dicembre e il 21 gennaio al Planet di Roma e nel 2014 a maggio con la prima BiennaleMArteLive).
In questo modo MArteLabel affronta la crisi discografica rigenerandosi attraverso strategie di autopromozione: il MArteLabel Fest Tour (l’appuntamento con la musica live dell’etichetta), il MArteShop, il negozio online degli artisti MArteLabel e della migliore arte indipendente, il MArteTicket, la piattaforma per la vendita dei biglietti dei concerti degli artisti MArteLabel. Senza dimenticare MArteFunding, ramo dedicato al fund raising dei progetti musicali, tra i primi servizi italiani di “finanziamento popolare” (come veniva allora chiamato il crowdfunding) attivo dal 2008, che MArteLabel lanciò per la prima volta per la produzione di Nicolas Aldo Parente.

FORMAZIONE E NEGOZI NON CONVENZIONALI
MArteLabel affronta il mercato discografico con servizi per gli aspiranti addetti ai lavori e per il pubblico. FormazioneLive sono i corsi di formazione di MArteLabel, progetto che mira a sviluppare competenze e professionalità nel settore artistico e musicale.
LocalifriendsMArteLive è la rete di locali e negozi che mira a realizzare punti di vendita in Italia, convenzionali (locali, live club) e non (negozi di commercio equo e solidale, ristoranti bio, librerie). Un modo per rispondere alle difficoltà generate dalla crisi e per rendere ancora più capillare la presenza dell’etichetta nel territorio italiano, già forte grazie ai nuclei organizzativi regionali gestiti da 30 referenti nazionali distribuiti in 16 differenti regioni con il progetto MArteLive Italia.

INDOLE MULTIDISCIPLINARE
Ed è con lo stesso eclettismo, nato dall’esperienza originaria di MArteLive, che MArteLabel lavora con i suoi artisti. Di ciascuno si cerca di esaltarne l’indole multidisciplinare, con un’attenzione alle varie forme d’arte che proprio nelle 16 sezioni artistiche di MArteLive (teatro, danza, cinema, musica, dj, vj, fumetti, grafica, fotografia, circo, letteratura, writing, pittura, videoclip, artigianato artistico, moda&riciclo) trova la sua massima realizzazione.

Perché con MArteLabel non lavorano solo musicisti ma anche grafici che creano artwork originali in collaborazione con fumettisti illustratori, fotografi, video-maker che realizzano video non convenzionali, Vj, teatranti, ballerini performer e circensi che rendono eclettico il live, scenografi, pittori che dipingono live mentre i musicisti suonano, artigiani che creano oggetti di merchandising unici e originali, giovani stilisti che creano il look degli artisti. Nuove figure che costituiscono parte integrante della scuderia MArteLabel e che collaborano al lancio di ogni nuovo progetto musicale. Rigorosamente eclettico in perfetto stile MArteLive.

Tutto questo è MArteLabel. Un’etichetta multiforme, che si definisce 3.0 perché scatta in avanti rispetto al 2.0 grazie alla forza delle sue idee e ad una visione del mercato musicale dove la crisi profonda può essere una possibilità. La possibilità di anticipare il futuro in un presente dove la parola etichetta ha una risonanza sempre più forte con la parola eclettica.

Scroll To Top