Meshell Ndegeocello: Il tributo a Nina Simone

Dopo l’uscita dell’acclamato “Weather (2011)”, Meshell Ndegeocello annuncia la pubblicazione del suo decimo album in studio, “Pour Une âme Souveraine (“For A Sovereign Soul”)”, un tributo alla più grande icona musicale afro-americana Nina Simone. Registrato a Los Angeles con il trio di musicisti che l’accompagnano anche sul palco, Chris Bruce (chitarra), Jebin Bruni (tastiere) e Deantoni Parks (batteria), il lavoro vede la partecipazione di ospiti prestigiosi quali il sassofonista Tracy Wannomae, Sinead O’Connor, la voce soul di Lizz Wright, quella blues di Valerie June, Cody ChesnuTT e Toshi Reagon.

L’artista sarà inoltre in Italia per due appuntamenti:

Giovedì 11 Aprile SALERNO – Modo
Venerdì 12 Aprile ROMA – Auditorium Parco della Musica

L’album nasce dopo solo dieci giorni negli studi del chitarrista Pete Min e riflette tutta l’ammirazione di Meshell per il lavoro pionieristico di un’artista che ha rifiutato l’appartenenza ad un genere particolare, all’industria discografica, alle aspettative. Come descrive Meshell, questo album “è una dedica a Nina Simone e alla sua incredibile influenza, ma è anche una dedica al singolo, alla vita interiore che tutti noi sentiamo. Venerata da Meshell, Nina Simone è stata una forte influenza sia musicalmente che politicamente, la sua musica è stata molto utile nella lotta per la parità di diritti negli Stati Uniti. “Se aveva desiderato il successo, ha subito pressioni per creare delle hit, ma il suo suono è sempre rimasto incontenibile,” spiega Meshell. “Aveva delle cose da dire, e non ha mai esitato a protestare. Era una voce nera, femminile, forte, orgogliosa in un’epoca in cui questo tipo di icone non erano incoraggiate a farsi sentire.”

Composto da una selezioni di classici della tradizione (“Feelin ‘Good”), canzoni scritte da Nina Simone (“Real Real”) o per lei (“To Be Young, Gifted and Black” di Weldon Irvine), l’album rappresenta uno spettro completo del lavoro di Nina Simone e della sua vita. “Volevamo veramente fare qualcosa che sentissimo vero per Nina Simone. Rendersi conto di questo significava fare quello che sentivamo vero per noi”, spiega Chris Bruce che ha co-prodotto l’album con Meshell e che ha scritto gli arrangiamenti. “L’obiettivo non era quello di ricreare le versioni esistenti, perché sentivamo che l’unico modo per Meshell di onorare Nina, era quello di trovare la propria voce nel materiale scelto. Nina esplorava e sperimentava molto ed era catartica. Se avete familiarità col suo lavoro spesso troverete che esistono più versioni della stessa canzone. Così abbiamo voluto sfruttare lo stesso spirito creativo e rendere nostre le canzoni. Sperando alla fine di avere creato qualcosa che sentiamo lei avrebbe apprezzato e di cui si sarebbe sentita fiera.”

Track List

1. Please Don’t Let Me Be Misunderstood
2. Suzanne
3. Real Real feat. Toshi Reagon
4. House of the Rising Sun feat. Toshi Reagon
5. Turn Me On
6. Feelin’ good
7. Don’t Take All Night feat. Sinead O’connor
8. Nobody’s Fault But Mine feat. Lizz Wright
9. Be My Husband feat. Valerie June
10. Black is the Color of My True Loves Hair feat. Valerie June
11. See Line Woman feat. Tracy Wannomae
12. Either Way I Lose
13. To Be Young, Gifted and Black feat. Cody ChesnuTT
14. Four Women

Scroll To Top