Metal: La censura in Egitto sta cedendo

Nel 1997, la censura governativa egiziana mise in galera numerosi fan dell’heavy metal, con la giustificazione di un presunto satanismo occultato dal genere musicale.
Oggi la scena metal sembra riprendere lentamente i suoi spazi, sebbene ancora ai concerti si presentino poche persone (circa 350, secondo le informazioni rese dagli Invaders, una band locale). Inoltre l’unico palco che le band sembrano privilegiare è un’isola sul Nilo dal nome Moanis Salem. Infine i prezzi dei biglietti sono molto alti (una forma di indiretta censura?).
Insomma, la folla degli anni novanta sembra un lontano ricordo. Ma la ripresa si sta facendo sentire. Non c’è più paura nel parlare di metal, grazie anche all’avvento di internet.

Scroll To Top