Mick Pointer: Script For Amester’s Tour, ecco le date italiane

Per il 25° anniversario l’ex batterista fondatore dei Marillion Mick Pointer porterà nuovamente in tour questo epico concerto… Inclusi i 20′ della mitica “Grendel”. Per la gioia di tutti i fans dei marillion un autentico “Marillion concert”…

7 FEBBRAIO MILANO ROLLING STONE www.rollingstone.it
8 FEBBRAIO ROMA STAZIONE BIRRA www.stazionebirra.biz

BAND
Mick Pointer (ex-MARILLION)
Nick Barrett (PENDRAGON)
Mike Varty (CREDO)
Ian Salmon (ARENA)
Brian Cummings (CARPET CRAWLERS) as Fish

SETLIST
Script For A Jester’s Tear
He Knows You Know
The Web
Garden Party
Chelsea Monday
Forgotten Sons
Charting The Single
Three Boats Down From The Candy
Market Square Heroes
Grendel
Margareta

Biglietti:
25,00 euro in prevendita
€ 30,00 la sera del concerto
www.ticketweb.it
www.ticketone.it

info:
www.diedi.com
www.wiventertainment.de
[PAGEBREAK] *MICK POINTER*

La storia, anche quella del rock, è fatta di corsi e di ricorsi. E così anche Mick Pointer, originario di Brill, nel Bucks, arriva dopo venticinque anni a prendersi la sua rivincita, riesumando la gloria dei primi indimenticati Marillion, da lui fondati alla fine degli anni settanta; gli esordi artistici di questo ex carpentiere avvengono nel 1976, Mick appena ventenne, con gli Electric Gipsy, la band dove militava anche Andy Glass confluito poi nei più famosi Solstice. *

Influenzato dai Rush (ha definito a lungo Neil Peart il suo modello insuperato), dai Pink Floyd, ma soprattutto dai Camel, Pointer trasforma gli embrionali Silmarillion in Marillion, dopo l’arrivo del grande Steve Rothery, ma è con l’anno successivo, il 1981, con l’arrivo del carismatico Fish, che il quadro si definisce, ed i Marillion scalano i gradini della notorietà, culminando, ad inizio 1983, con l’esordio discografico (per qualcuno ancora insuperato) “Script for a Jester’s Tear”, emblema della rinascita progressiva nel panorama rock di quegli anni. *

Dissapori e scontri artistici mettono però Mick Pointer nell’angolo; dopo il tour acclamatissimo del 1983 (immortalato nel video “Recital Of The Script”) le strade dei Marillion e del loro fondatore si dividono; seguiranno dodici lunghi anni di oblio, ritiro completo dalla scena musicale…fino al casuale incontro con Clive Nolan, tastierista emergente dei Pendragon e vulcanico fautore di tanti progetti solisti; il debutto degli Arena, sorta di “supergruppo” che negli anni ha ospitato membri di Asia (Keith More) e IQ (John Jowitt) avviene l’anno successivo, il 1996, con “Song from the Lion’s Cage”, album in bilico tra il pomp rock sinfonico di Nolan ed echi marillioniani, La seconda giovinezza di Pointer passa per lunghi tour in Inghilterra, Germania, Olanda per approdare oltreoceano in Canada e negli Stati Uniti. *

Ancora oggi vivi e vegeti gli Arena si sono presi un lungo periodo di pausa, con Nolan impegnato in altri progetti solisti. Per Mick è stato quindi possibile togliersi una grande rivincita e riesumare i fasti di Script, venticinque anni dopo, con un tour che tocca diversi paesi europei, la scaletta e la scenografia dei “vecchi tempi”, ed una band che annovera tra l’altro un vero asso della chitarra, ovvero il leader dei Pendragon Nick Barrett. Ci sono tutte le prerogative perché questo “script for a jester’s tour” sia un grande successo. In ogni caso è l’ultima occasione per i fans dei Marillion prima maniera di vedere questo show dal vivo….

Scroll To Top