Mike Oldfield: Music Of The Spheres

Il celebrato polistrumentista inglese, artefice di album di successo (tra cui, Tubolar Bells, colonna sonora de “L’Esorcista”, che rimase nella classifica britannica per oltre 5 anni) o di storici pop-hits (come “To France” o “Moonlight Shadow”, cantate da Maggie Reilly), ha finalmente annunciato l’uscita del suo ultimo lavoro: “Music of the spheres”. L’autore, che già in passato ha utilizzato per le orchestrazioni un’infinita serie di collaborazioni, questa volta si vale di un’intera orchestra, composta tra l’altro da quattordici primi violini, dodici secondi violini, due flautisti e tre trombettisti. Il cd, la cui uscita viene costantemente annunciata dallo scorso 30 ottobre, è finalmente disponibile nei negozi e anche in formato digitale su internet.
Mike, nato il 15 Maggio 1953 a Reading, nel Berkshire, Inghilterra, è stato annello di congiunzione tra il prog-rock degli anni 70 e la new age music degli anni 80/90.

Questa la Tracklist:

Part one
“Harbinger” – 4:08
“Animus” – 3:09
“Silhouette” – 3:19
“Shabda” – 4:00
“The tempest” – 5:48
“Harbinger (reprise)” – 1:30
“On my heart” – 2:27 (con Hayley Westenra)

Part two
“Aurora” – 3:40
“Prophecy” – 2:54
“On my heart (reprise)” – 1:16 (con Hayley Westenra)
“Harmonia mundi” – 3:46
“The other side” – 1:28
“Empyrean” – 1:37
“Musica universalis” – 6:24.

Scroll To Top