Il mondo della musica omaggia Chris Cornell

Negli ultimi giorni sono state tante le dediche e i saluti dal mondo della musica a Chris Cornell, scomparso la scorsa settimana a 52 anni.

A Pasadena, in California, Bono ha dedicato a Cornell “Running Stand Still”, uno dei pezzi dei Joshua Tree e lo ha definito “un leone”; ha voluto mandare un saluto alla moglie e ai figli, chiamandole “anime dolci e meravigliose”.

Una delle cover acustiche più famose di Cornell era un mash-up di “One” degli U2 con il testo di “One” dei Metallica. Prima che gli U2 iniziassero a suonare, sabato, gli altoparlanti dell’impianto hanno suonato “Black Hole Sun dei Soundgarden.

Anche Ryan Adams, durante il suo concerto ad Auckland, in Nuova Zelanda, ha voluto suonare la sua versione del classico estratto da “Superunknown”.

Non è mancato un tributo anche da parte degli Aerosmith, a Batumi. Steven Tyler ha dedicato “Dream On” al cantante scomparso.

Anche i Metallica, durante il loro concerto al Gillette Stadium di Foxboro, gli hanno dedicato “The Unforgiven. Il bassista Robert Trujillo, inoltre, durante un assolo ha citato “Black Hole Sun”.

Anche Living Colour ha proposto una versione di “Blow Up the Outside World”, brano dei Soundgarden, durante uno show a Perth.

Scroll To Top