Monty Python: Riuniti per resuscitare Chapman

Quando Graham Chapman morì di cancro nel 1989, si pensò che una reunion del celebre collettivo britannico sarebbe stata impossibile da praticare in un futuro prossimo. Del resto, l’attore era una delle colonne portanti dei Monty Python: morto lui, morti tutti. E INVECE.

Nel 1980 Chapman aveva pubblicato un’autobiografia intitolata “A Liar’s Autobiography (Volume VI)”, nella quale venivano descritte nei dettagli le avventure della sua vita in quanto parte integrante del leggendario insieme. Pare che se ne registrò pure un audiobook che ora, raccattate le voci dei restanti colleghi, diventerà uno strambo film tenuto insieme dal collante del nastro. Insomma, tipico dei Monty Python.

Fino a questo momento John Cleese, Terry Gilliam, Michael Palin e Terry Jones hanno aderito senza opposizione alcuna; Eric Idle è l’unico ad aver disertato, ma ci starebbero lavorando sopra per convincerlo- così dicono.

Il film consisterà in una sorta di blocco narrativo in cui Cleese e Chapman in versione animata si faranno una scampagnata in bicicletta e parleranno della vita del secondo. Gli altri Pythons s’intrometteranno per interpretare vari personaggi nella storia. In particolare, Michael Palin sarà il padre di Graham.
Nonostante si tratti di un lungometraggio di animazione, Gilliam non si presterà alla costruzione dei disegni (cosa a cui solitamente era adibito), che passeranno al contrario nelle mani di ben tredici case d’animazione diverse per creare brevi segmenti di trama ciascuna. La peculiarità è che verranno utilizzate innovative tecniche in stile 3D, cioè basta con quelle sagome cartonate e all’antica di un tempo. Stanno invecchiando pure loro, lasciamoli fare.

Il titolo non c’è ancora, benché il regista Bill Jones sembri tentennare su “Graham Chapman- Dead In 3D”.
Qualora Eric Idle smettesse di fare il prezioso, l’uscita del film sarebbe una grande occasione per chiunque abbia mai passato pomeriggi interi a sbattere noci di cocco galoppando.

Scroll To Top