Mostra del Cinema di Venezia 2009: Un premio al film 3-D stereoscopico dell’anno

Verrà assegnato quest’anno, per la prima volta, durante la 66° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia il Premio Persol 3-D destinato al miglior lungometraggio 3-D stereoscopico dell’anno.

In concorso ci sono 9 pellicole, tutte uscite in Italia nei 12 mesi precedenti la Mostra di Venezia o presenti nelle diverse sezioni del Festival, aventi la particolarità di essere state girate in 3-D stereoscopico.
Questi i titoli: “Viaggio Al Centro Della Terra 3D” di Eric Brevig (uscita italiana 16/01/2009), “Mostri Contro Alieni” di Rob Letterman e Conrad Vernon (uscita italiana 03/04/2009), “San Valentino Di Sangue 3D” di Patrick Lussier (uscita italiana 28/05/2009), “Battaglia Per La Terra 3D” di Aristomenis Tsirbas (uscita italiana 29/05/2009), “Coraline E La Porta Magica” di Henry Selick (uscita italiana 19/06/2009), “Jonas Brothers: The 3D Concert Experience” di Bruce Hendricks (uscita italiana 24/07/2009), “L’Era Glaciale 3: L’Alba Dei Dinosauri” di Carlos Saldanha (uscita italiana prevista 28/08/2009), “Up” di Peter Docter (uscita italiana prevista 16/10/2009; presentato alla Mostra nel programma Pixar) e “The Hole” di Joe Dante (con uscita prevista tra febbraio e marzo 2010, presentato in prima mondiale a Venezia).

Il Premio Persol 3-D sarà dunque assegnato a quel lungometraggio che meglio rappresenta l’esplorazione di questa nuova frontiera del linguaggio cinematografico, sempre più ricercata da chi fa cinema, ma anche amata da chi lo guarda. Il 3-D stereoscopico di ultima generazione, per la sua modalità di visione sta riportando la sala cinematografica al centro dell’attenzione, tanto da arrivare a parlare di una terza rivoluzione cinematografica in corso dopo quella che ha introdotto il suono e quella che ha portato il colore nel cinema.

I membri della Giuria del Premio Persol 3-D, selezionati dalla direzione della Mostra, sono la regista italiana 3-D Nadia Ranocchi e gli statunitensi Scott Foundas, critico cinematografico e Dave Kehr, storico del cinema.

In occasione dell’assegnazione del premio verranno perciò proiettati, come Eventi di Orizzonti, gli unici due lungometraggi 3-D stereoscopici realizzati dagli italiani David Zamagni e Nadia Ranocchi: “Daimon” del 2007 e “Cock-Crow” che verrà presentato in prima mondiale proprio a Venezia. Entrambe queste opere si caratterizzano per la sperimentazione di tecniche particolari, per quanto concerne il 3-D stereoscopico, che danno all’immagine la qualità del basso rilievo, facendo sì che l’occhio si trasformi in uno strumento “tattile”.

Scroll To Top