Mostra del Cinema di Venezia 2012: La selezione ufficiale

Ecco finalmente i film del concorso Venezia 69, della sezione Orizzonti e del fuori concorso: la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica ha svelato oggi il programma durante la consueta conferenza stampa romana.
Presto in arrivo approfondimenti e consigli per la visione.
Intanto, i titoli:

Concorso Venezia 69
“Après Mai” (“Something in the Air”) di Olivier Assayas (Francia)
“At Any Price” di Ramin Bahrani (Usa, Gran Bretagna)
“Bella addormentata” di Marco Bellocchio (Italia)
“La Cinquième Saison” di Peter Brosens e Jessica Woodworth (Belgio, Paesi Bassi, Francia)
“Lemale Et Ha’chalal” (“Fill The Void”) di Rama Burshtein (Israele)
“È stato il figlio” di Daniele Ciprì (Italia)
“Un giorno speciale” di Francesca Comencini (Italia)
“Passion” di Brian De Palma (Francia, Germania)
“Superstar” di Xavier Giannoli (Francia, Belgio)
“Pieta” di Kim Ki-Duk (Corea del Sud)
“Outrage Beyond” di Takeshi Kitano (Giappone)
“Spring Breakers” di Harmony Korine (Usa)
“To The Wonder” di Terrence Malick (Usa)
“Sinapupunan” (“Thy Womb”) di Brillante Mendoza (Filippine)
“Linhas de Wellington” di Valeria Sarmiento (Portogallo, Francia)
“Paradies: Glaube” (“Paradise: Faith”) di Ulrich Seidl (Austria, Francia, Germania)
“Izmena” (“Betrayal”) di Kirill Serebrennikov (Russia)
“The Master” di Paul Thomas Anderson (Usa) – annunciato il 7 agosto

Orizzonti
“Wadjda di Haifaa Al Mansour” (Arabia Saudita, Germania)
“Khanéh Pedari” (“The Paternal House”) di Kianoosh Ayari (Iran)
“Ja Tozhe Hochu” (“I Also Want It”) di Aleksei Balabanov (Russia)
“Gli equilibristi” di Ivano De Matteo (Italia)
“L’intervallo” di Leonardo Di Costanzo (Italia, Svizzera, Germania)
“El Sheita Elli Fat” (“Winter Of Discontent”) di Ibrahim El Batout (Egitto)
“Tango Libre” di Frédéric Fonteyne (Belgio, Francia, Lussemburgo)
“Menatek Ha-Maim” (“The Cutoff Man”) di Idan Hubel (Israele)
“Gaosu Tamen, Wo Cheng Baihe Qu Le” (“Fly With The Crane”) di Ruijun Li (Cina)
“Kapringen” (“A Hijacking”) di Tobias Lindholm (Danimarca)
“Leones” di Jazmin Lopez (Argentina, Francia, Paesi Bassi)
“Bellas Mariposas” di Salvatore Mereu (Italia)
“Low Tide” di Roberto Minervini (Usa, Italia, Belgio)
“Boxing Day” di Bernard Rose (Gran Bretagna, Usa)
“Yema” di Djamila Sahraoui (Algeria, Francia)
“Araf” (“Araf – Somewhere In Between”) di Yesim Ustaoglu (Turchia, Francia, Germania)
“Sennen No Yuraku” (“The Millennial Rapture”) di Koji Wakamatsu (Giappone)
“San Zi Mei” (“Three Sisters”) di Bing Wang (Francia, Hong Kong-Cina)

Fuori Concorso
“The Reluctant Fundamentalist” di Mira Nair (India, Pakistan, Usa) – film d’apertura
“Enzo Avitabile Music Life” di Jonathan Demme (Italia, Usa) – secondo film d’apertura
“L’homme qui rit” di Jean-Pierre Ameris (Francia, Repubblica Ceca) – film di chiusura
“Anton Tut Ryadom” (“Anton’s Right Here”) di Lyubov Arkus (Russia)
“Den Skaldede Frisør” (“Love Is All You Need”) di Susanne Bier (Danimarca, Svezia)
“Cherchez Hortense” di Pascal Bonitzer (Francia)
“Ya Man Aach” (“It Was Better Tomorrow”) di Hinde Boujemaa (Tunisia)
“Sur un fil…” di Simon Brook (Francia, Italia)
“Lullaby To My Father” di Amos Gitai (Israele, Francia, Svizzera)
“Shokuzai” (“Penance”) di Kiyoshi Kurosawa (Giappone)
“Bad 25″ di Spike Lee (Usa)
“Witness: Libya” di Michael Mann (Usa)
“Medici con L’Africa” di Carlo Mazzacurati (Italia)
“O Gebo e A Sombra” di Manoel De Oliveira (Portogallo, Francia)
“The Company You Keep” di Robert Redford (Usa)
“Shark” (“Bait 3D”) di Kimble Rendall (Australia, Singapore, Cina)
“Disconnect” di Henry-Alex Rubin (Usa)
“La Nave Dolce” di Daniele Vicari (Italia, Albania)
“The Iceman” di Ariel Vromen (Usa)

Scroll To Top