Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro: Guerrilla marketing fuori norma per la 49 edizione

Da alcuni anni nel centro di Pesaro durante la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema compaiono strani oggetti: sagome cartonate che raffigurano personaggi dei film di Bernardo Bertolucci, lavagne, gessetti e panchine provviste di fumetti. Sono gli strumenti delle campagne di guerrilla marketing abbinate al festival, comunicazione virale creativa e a basso costo.

Quest’anno il concept si ispira al titolo della sezione “Fuori norma. La via sperimentale del cinema italiano (2000-2012)” che porterà sugli schermi della Mostra una selezione di quaranta corti, lunghi, documentari e film animati pescati nella produzione più sperimentale e innovativa del nostro Paese. La campagna di guerrilla marketing partirà dal concetto di “fuori norma” «per chiedere ai passanti del centro di Pesaro di esprimersi, con una parola, su cosa faccia venire loro in mente questa espressione, quali associazioni mentali scateni. Le parole verranno scritte ognuna su un supporto adesivo, che verrà poi applicato sulla superficie stradale appena dopo quello che lo precede: si formerà così, per tutta la durata dell’Evento, una curiosa catena associativa di parole che percorrerà il corso centrale per terminare in piazza del Popolo, uno dei luoghi simbolo della Mostra. Il gioco interattivo continua online: i partecipanti saranno invitati a farsi fotografare accanto alla propria “casella” e a condividere le foto sulla pagina Facebook della 49a Mostra. La foto che otterrà più “mi piace” verrà premiata con gadget e materiale ufficiale della Mostra».

La campagna è realizzata in collaborazione con “la Colonia della comunicazione” dei Corsi di Laurea in Comunicazione e Pubblicità del Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo.
Credits: Agnese Di Giovanni, Andrea Celeste Francesconi, Doris Pesce. Direzione creativa: Marco Livi.

Scroll To Top