Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro: In concorso dal Cile “La chupilca del diablo”

Ignacio Rodríguez, cileno, ha ventiquattro anni e studia cinema all’Universidad del Desarrollo. La sua opera prima, “La chupilca del diablo“, è un progetto nato in ambito accademico e presentato ieri in concorso alla 49esima Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro. Un anno di lavoro sulla sceneggiatura, venti giorni di riprese, otto mesi passati al montaggio.

Rodríguez è presente al festival con l’altrettanto giovane produttore Tomás Arriagada che spiega come in Cile, dove il mercato cinematografico è «molto piccolo», non sia infrequente vedere ragazzi impegnarsi in prima persona nella produzione cinematografica.

Il film è la storia di Eladio, anziano produttore di liquori (la ‘chupilca del diablo’) senza più prospettive e ormai immerso nella solitudine, che trova inaspettata complicità con il nipote Javier. Il personaggio di Eladio è ispirato alla figura del nonno di Rodríguez: «mi domandavo — racconta il regista — come mio nonno potesse continuare a fabbricare liquori e sopravvivere in un mondo così competitivo. E la risposta che mi sono dato è ‘no, non può sopravvivere’. Ho voluto raccontare l’ostinazione di quest’uomo e di come, quando si sceglie di seguire una linea di vita, poi diventa impossibile cambiare».

Nei panni del protagonista, il grande attore cileno Jaime Vadell: «ho voluto un interprete esperto — dice Rodríguez— che mi sostenesse nella lavorazione del film».

Scroll To Top