I Mumford & Sons raccontano la realizzazione del singolo “The Wolf”

I Mumford & Sons, hanno raccontato, in una recente intervista, della realizzazione del loro terzo singolo “The Wolf”, estratto dall’ultimo lavoro in studio dal titolo, “Wilder Mind”, rilasciato lo scorso maggio e già in cima alle classifiche di Regno Unito e America.

Nel corso di una video intervista con NME, il tastierista Ben Lovett ha così spiegato l’intenzione alla base del nuovo brano: “The Wolf, aveva decisamente una grinta diversa rispetto ai singoli precedentementi rilasciati e ci ha aiutato ad indentificare l’album che stavamo realizzando”.

Il bassista Ted Dwane, ha confermato quanto detto dal collega, aggiungendo: “C’è un punto preciso in cui il disco inizia ad affermare la sua identità e credo che sia proprio ciò che è successo con The Wolf. Ci siamo resi conto di quanto fosse rock questo album ed è esattamente il genere di musica che vogliamo fare”.

Il frontman Marcus Mumford ha invece raccontato di aver suonato il brano ad un suo amico alle sei del mattino, ricevendo in cambio qualche critica onesta: “Ricordo che ad un certo punto mi disse – non è ancora abbastanza, devi trovare un bridge – così lo abbiamo creato insieme e da quel momento in poi la canzone ha ottenuto una marcia in più” e citando scherzosamente i versi di una nota canzone: “That’s what friends are for…non è vero?”.

Nel frattempo, è giunta voce di una possibile collaborazione del frontman Marcus Mumford, col produttore hip-hop, 88 Keys.

Il produttore ha rivelato a NME: “Ho ricevuto una email da un mio caro amico chiamato Izzy (Izvor Zivkovic), mi ha detto che Marcus (Mumford) fa parte della band Mumford & Sons. Ho sempre sentito parlare di loro ma non ho mai ascoltato la loro musica. Ho incontrato Marcus, è venuto nel mio studio e abbiamo cominciato a cercare idee unendo le rispettive abilità”.

 

 

 

Scroll To Top