Munnizza: In ricordo di Peppino Impastato

«Mi chiedo se sia un paese civile quello che ricopre con l’immondizia il sangue di mio fratello, è vergognoso, quel casolare è il luogo della memoria più importante della Sicilia che ha lottato contro la mafia»: sono le parole con cui Giovanni Impastato denuncia lo stato di abbandono del luogo nel quale, il 9 maggio del 1978, venne ucciso suo fratello Peppino.

QUI si può aderire alla petizione di Rete100 passi a sostegno dell’appello di Giovanni Impastato per chiedere che il casolare «venga espropriato e consegnato alla collettività».

In ricordo di Peppino, e per proteggere la sua memoria, è stato reso visibile online su alcuni siti per l’anniversario della sua morte anche il cortometraggio “Munnizza“, nato da un testo di Andrea Satta dei Tetes de Bois, con i disegni di Marta Dal Prato e la regia di Licio Esposito.

Scroll To Top