Nicola Cavallaro, un’anima blues in concerto a Catania il 19 marzo

Giovane artista catanese, con l’anima blues, Nicola Cavallaro ha una voce in grado di rubarti al tempo per qualche attimo. Cavallaro si è esibito già nei locali della sua città, riscuotendo parecchio successo. Di recente, ha anche aperto la data siciliana di Skin.

Il prossimo 19 marzo, sarà di nuovo live alla Vecchia Dogana di Catania e ad accompagnarlo ci saranno cinque grandi musicisti: Andreazzurra Gullotta (corista, ex concorrente di “The Voice”); Salvo Finocchiaro (tastiere, annovera collaborazioni con Mario Biondi e altri); Claudio Consoli (chitarra); Danilo Montagnino (basso, sponsored by “Red Sound”); Valerio Pellegrino (batteria), ospite della serata Antonio Alma (sassofonista presente già da tempo nelle classifiche americane).

Ad attendere il pubblico catanese sarà un concerto/viaggio psichedelico che ripercorrerà la storia musicale del rock dagli anni 60 ad oggi, non mancheranno gli inediti. Il live sarà un’ occasione per Nicola per presentare i suoi nuovi progetti.

Punto a regalare un vero e proprio show fatto di luci, emozioni e ospiti – spiega Nicola – Oggi secondo me si è un pò persa la cultura per i concerti vecchio stile dove l’artista si “immergeva” insieme agli spettatori in un monto quasi trascendentale e psichedelico. I musicisti pensano ad apparire quasi con distacco, il mio intento invece è proprio quello di far sentire il pubblico parte dello show”.

L’artista ha avviato un progetto solista da qualche anno, al quale lavorava da tempo, raggiungendo in poco tempo un grande consenso sul web. Di recente ha pubblicato due singoli disponibili in tutti gli store online:”Nero In Viso” e “Scent On Me“.

Nicola Cavallaro nasce a Catania il 07/03/1991.
La passione per la musica si manifesta sin da piccolo, e per questo durante i suoi studi liceali inizia ad avvicinarsi al mondo artistico. Dopo aver intrapreso la carriera militare all’interno del 187° Rgt. Paracadutisti “Folgore”, torna a Catania, e si iscrive alla facoltà di Medicina e Chirurgia. Nel frattempo, inizia a suonare con alcune band  e a sperimentare la sua vocalità, insieme alle influenze rock&blues. Ciò che ama di più è proprio quel rapporto intimo che crea con il pubblico al momento delle sue performance. Nicola confessa, poi, il suo legame con la musica del “passato”, ed é amante del vintage e della old school, influenze che adotta come stile di vita. Il suo progetto musicale vuole proporre qualcosa di moderno che abbia delle chiare sonorità vintage, il tutto interpretato in chiave blues.

Scroll To Top