Noir in Festival 2017 — Il programma nel segno di Margaret Atwood

Si aprirà il prossimo 3 dicembre il Noir in Festival 2017, che dallo scorso anno ha cambiato casa, spostandosi da Courmayeur a Milano e Como.

Il programma di questa XXVII edizione del festival dedicato al crime e al mistero, tra cinema e letteratura, diretto da Giorgio Gosetti, Marina Fabbri e Gianni Canova (Delegato IULM), si presenta denso, attento all’attualità e ricco di sorprese, a cominciare dalla bellissima immagine dell’anno firmata dall’illustratore Alessandro Baronciani.

«Il Noir in Festival 2017 sarà fortemente caratterizzato in senso femminile» ha dichiarato Marina Fabbri alla conferenza stampa di presentazione. «Uno dei temi portanti del Festival sarà l’eterno problema del rapporto di potere tra i generi».

Protagonista assoluta dell’edizione 2017 sarà, infatti, Margaret Atwood, «un mito della letteratura mondiale, che ha fatto dell’arte e della scrittura un impegno civile e politico e ha raccontato attraverso la formula della distopia e un uso molto intelligente e femminile – anzi femminista – la nostra società e la china sta prendendo, riflettendo sulla violenza nelle sue varie forme», ha detto Marina Fabbri.

L’autrice di “Il racconto dell’ancella” (1985) e “L’altra Grace” (1996) (entrambi ripubblicati da poco da Ponte alle Grazie), trasformati nell’ultimo anno in due serie tv di grande successo prodotte rispettivamente da Hulu (con il titolo originale di “The Handmaid’s Tale“, portata in Italia da TIMvision) e Netflix, terrà un incontro il 6 dicembre alle 18 allo IULM a Milano.

Il 7 dicembre sarà, invecepremiata al Teatro Sociale di Como con il Raymond Chandler Award. Per l’occasione, durante il Festival verrà proiettato l’adattamento di  “Il racconto dell’ancella” di Volker Schlöndorff (1990), con Natasha Richardson, Robert Duvall, Faye Dunaway.

PREMIO CALIGARI

Una delle grandi novità dell’edizione 2017 sarà la nascita del Premio Caligari (in collaborazione con Istituto Luce – Cinecittà e il sostegno di Anteo Palazzo del Cinema), riservato al miglior film italiano di genere uscito nell’anno solare e dedicato al grandissimo regista italiano Claudio Caligari, scomparso nel 2015 e autore giusto vent’anni fa di un noir esemplare come “L’odore della notte” (1997).

Tra i film finalisti: “Omicidio all’italiana” di Maccio Capatonda; “Sicilian Ghost Story” di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza; “Ammore e malavita” dei Manetti Bros.; “Falchi” di Toni D’Angelo; “Gatta Cenerentola” di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone; “La ragazza nella nebbia” di Donato Carrisi; “I figli della notte” di Andrea De Sica e “Monolith” di Ivan Silvestrini.

Il vincitore verrà scelto da una giuria popolare di di giovani studenti e di appassionati, selezionata attraverso un concorso che mette in palio 10 ingressi gratuiti al Cinema Anteo, al quale è ancora possibile iscriversi fino al 30 novembre 2017.

FILM IN CONCORSO

Inoltre, otto prime assolute aperte a cinematografie inedite sono presenti nel concorso principale, dalla Malesia alla Finlandia, dai Paesi Baschi all’Irlanda, tra vendette al femminile, melodrammi, noir rurali e thriller adrenalinici.

Tra questi,  “Madame Hyde” di Serge Bozon, con Isabelle Huppert; “You Were Never Really Here” di Lynne Ramsay (“…e ora parliamo di Kevin”) con Joaquin Phoenix; “The Nile Hilton Incident” di Tarik Saleh (regista svedese di origine egiziana autore del film sci-fi d’animazione “Metropia”); “Euthanizer”, commedia nera del finlandese Teemu Nikki; “Marlina, omicida in quattro atti“, revenge-movie della regista indonesiana Mouly Surya, selezionato alla 49e Quinzaine des Réalisateurs a Cannes; “Tomato red” della regista irlandese Juanita Wilson, country noir con Julia Garner (“We Are What We Are” “Ozark”).

FUORI CONCORSO

Fuori concorso verrano presentati “My Cousin Rachel di Roger Michell con Rachel Weisz, tratto dal celebre romanzo di Daphne du Murier (da poco ripubblicato da Neri Pozza) e l’atteso “Wonderstruck” di Todd Haynes, con Julianne Moore, Michelle Williams e l’esordiente Millicent Simmonds, che verrà presto distribuito in Italia da 01 Distribution con il titolo “La stanza delle meraviglie

EVENTI SPECIALI

Inoltre, per celebrare il trentennale di un capolavoro del genere come “Il silenzio degli innocenti” di  Thomas Harris, verrà proiettata la versione restaurata in 4k del film omonimo di Jonathan Demme (1991).

Due, invece, gli eventi speciali dedicati al cinema italiano: l’omaggio al “maverick” del poliziottesco Enzo G. Castellari e la scoperta di un recente cult-movie della produzione indipendente: “Il demone di Laplace” di Giordano Giulivi, successo di pubblico e di critica al Fantasia International Film Festival 2017 di Montréal e all’Étrange Festival 2017 di Parigi, ma ignorato in Italia.

A Como sono previsti inoltre alcuni eventi del tutto speciali come: il ritorno del commissario Maigret nella serie TV britannica “Maigret’s Dead Man” con Rowan Atkinson, prodotta dal figlio di Georges Simenon.

A concludere il programma, un calendario ricco di appuntamenti legati alla letteratura di genere, con la presentazione dei finalisti del Premio Giorgio Scerbanenco per il miglior romanzo noir dell’anno, che si terrà il 4 dicembre alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano, le consuete “Conversazioni in Noir” con gli autori e gli “Incontri Noir” alla IUML.

Tutte le proiezioni cinematografiche, ad eccezione di quelle dei film finalisti al Premio Caligari, si terranno all’Anteo Palazzo del Cinema. Per informazioni su orari, accesso alle presentazioni e costo dei biglietti cinematografici, si rimanda al sito del Noir in Festival 2017.

Illustrazione di Alessandro Baronciani.

Illustrazione di Alessandro Baronciani.

Scroll To Top