Nosferatu e Il gabinetto del dottor Caligari tornano al cinema in versione restaurata

Nell’ambito del progetto “Il Cinema Ritrovato“, la Cineteca di Bologna riporta nei cinema due grandi capisaldi dell’espressionismo tedesco in versione restaurata.

Da lunedì 8 febbraio sarà possibile vedere in alcune sale italiane il restauro “Nosferatu” (1922), capolavoro del muto diretto da Friedrich Wilhelm Murnau. Liberamente ispirato “Dracula” di Bram Stoker, il film si concentra sulla figura dello spaventoso Conte Orlok, interpretato da Max Schreck, un non-morto che semina la peste e si nutre della forza vitale delle sue vittime. Benché Murnau avesse cambiato nomi e ambientazioni, fu denunciato dagli eredi di Stoker e costretto a distruggere tutte le copie del film, ma alcune versioni clandestine riuscirono a salvarsi.

Da lunedì 15 febbraio, inveceverrà distribuita la nuova versione del “Il gabinetto del dottor Caligari” (1920) di Robert Wiene, restaurato nel 2014 dal laboratorio L’Immagine Ritrovata della Cineteca di Bologna, vincitore del bando indetto da Murnau Stiftung nel 2012. Prototipo dell’espressionismo tedesco, racconta la vicenda di un ipnotizzatore che costringe un sonnambulo a compiere alcuni delitti, mentre realtà e allucinazione si confondono in un mondo oscuro ed inquietante dalla geometria deformata.

Per le informazioni sulla programmazione in tutta Italia, si rimanda al sito ufficiale di Il cinema Ritrovato.

Fonte: Il cinema Ritrovato

 

Scroll To Top