Ok Fest: Il 21 settembre a Corneliano

Sabato 21 Settembre
Circolo Arci Cinema Vekkio
c.so Riddone n° 3 – Corneliano d’Alba (CN)

L’OK Fest è il festival musicale organizzato dai ragazzi del collettivo Canalese*Noise in collaborazione con Goat man records, Blue record studio e lo storico Circolo Arci Cinema Vekkio di Corneliano d’Alba.
La quinta edizione si terrà il 21 settembre presso il Cinema Vekkio e conterà due palchi (interno ed esterno, sul cortile) sopra i quali saranno proposti otto atti fra band, solisti e Dj a partire dalle 17.00 fino alle 2.00 del mattino.
Dal punto di vista artistico la proposta del festival spazia fra una selezione dei migliori musicisti della provincia cuneese e alcune delle più interessanti uscite italiane di quest’anno.

Si alterneranno songwriting maturo ed originale, sperimentazioni Jazz ed avanguardia, power bands “cuore e cattiveria” iper-dinamiche, elettronica intelligente suonata come non vedrete più da queste parti per un po’ di tempo.
Ci sarà la possibilità di mangiare cibi preparati sul posto, punto bar e ristoro.
A differenza dei soliti festival degli ultimi 10 anni caratterizzati da costosissime produzioni, cartelloni scontati, e dal lucro come obbiettivo numero uno, la proposta dell’ OK Fest merita attenzione e un attento approfondimento.

L’ OK Fest è storicamente fondato dai ragazzi del collettivo Canalese*Noise, da anni occupato nel condividere quella che è stata definita una delle migliori proposte musicali italiane indipendenti, portata avanti in prima persona per mezzo delle fertili, seminali band di cui fanno parte i componenti. L’evento è il genuino sbocco di un lavoro fatto con passione da persone che credono di avere qualcosa di prezioso da proporre.
Ancora una volta il Circolo Arci Cinema Vecchio è di fondamentale importanza per lo sviluppo musicale del territorio. Da anni punto di riferimento e casa di numerose iniziative culturali a 360°, è un motore di cultura senza simili nella zona. Immediatamente disponibile ad accordare la location per il Festival e partecipare nell’organizzazione, il Cinema Vecchio ha contribuito in maniera essenziale alla presentazione dell’ OK Fest 2013.
Questo evento rappresenta l’arte di costruire senza fondi pubblici o privati, di creare qualcosa a partire dalle proprie forze e con le radici ben piantate nel territorio.

Di seguito gli artisti, in ordine di apparizione:

ISOBI’
Nasce da una costola di Isobel Blank, poliedrica artista che si occupa di molteplici, variopinte e svirgolate attività. Isobì canta e suona da molto. All’accompagnamento alterna la voce stessa, stratificata in solo con looper, synth vintage, chitarre classiche, bassi, violoncelli e oggettistica varia. Le atmosfere e i colori sono quelli di uno spazio intimo ed intenso.

FLYING DISK

Come ogni anno ci piace dare spazio ad una giovane e meritevole band emergenti della provincia Grande. Quest’anno è la volta dei, trio fossanese che, piazzandosi al 2° posto del concorso “Just Around Rock”, hanno vinto la partecipazione all’OK Fest.
Dediti a noise, stoner e post/hardcore i Flying Disk sono una band davvero promettente, che si sta mettendo in mostra con live convincenti.
[PAGEBREAK] MATTIA CALVO
La voce de La Moncada, presenta in versione acustica alcuni dei brani che andranno a comporre il disco di prossima pubblicazione della band cuneese. Opportunità unica per sentire dal vivo uno di quei pochi cantautori al quale basta una chitarra per farti venire i brividi. Cosa scrive e come lo dice è da vedere.
Ad accompagnarlo come multistrumentista Nicolas J. Roncea, per un arrangiamento unico.

LAMALORA

È un quartetto strumentale dal sound secco ed ansiogeno, incalzante e granitico. Dopo la loro mancata apparizione del 2012, sono di nuovo ospiti per proporci un live fisico e senza fronzoli, dove il math-rock incontra l’urgenza della new wave.

oAxAcA
Una vera e propria “esemble” nata dalle ceneri del duo funk blues cuneese Stylefire. Sono partiti che erano in 2. Ora sono un’orchestra sonora fluida e mutaforme, istigata dal free jazz americano, James Brown, la new thing, Coltrane e il terrore per la matematica.
Punk jazz all’arma bianca, impro free per una foresta di ritmi. In ogni concerto. Che sono sempre diversi. Che sono sempre unici.

VALERIO COSI

Arriva dalla Puglia uno dei nomi più influenti del free-jazz contemporaneo a livello mondiale. È un sassofonista / polistrumentista che ha lavorato con numerose etichette ed artisti internazionali negli ultimi 10 anni, sino ad approdare alla storica label americana Porter Records. Le sue opere hanno elementi di free-jazz, musica elettronica, krautrock, psichedelia rock e musica etnica.
Dotato di una capacità compositiva sorprendentemente matura per un musicista dalla giovane età (classe 1985), Valerio è il classico talento che mezzo mondo ci invidia.

RUGGINE
Direttamente dalle scuderie della Canalese*Noise Records. Band composta da 2 bassi che ti alzano da terra, batteria che prova a stargli dietro e chitarra “butta cuore in faccia”. Rapidità, potenza di suono e vibrazioni intense sono i marchi di fabbrica che li contraddistinguono. Testi profondi per un concerto vicino alla catarsi, alla sublimazione
Dopo un anno di silenzio tornano live per l’OK Fest, dove presenteranno i nuovi brani che andranno a comporre il disco in imminente uscita.
Una preview imperdibile, una bomba.

LLEROY
Power trio made in Bologna dedito allo psycho-vandalismo ed a qualunque forma di misticismo confusionale, muri distorti, batterie pestate, semplicità istintiva e cruda. Ci presenteranno il loro ultimo album Soma, una delle più belle novità del panorama alternativo italiano e che sta confermando i Lleroy come una delle band “che se non vedi dal vivo, non hai visto niente”.
Imperdibili! Parola di Omino OK.

DANIELE SCIOLLA

Definito dalla critica come “Incredibilmente unico e avanguardista” ed il suo disco “Uno dei lavori più freschi e meglio curati dell’ultimo periodo in fatto di materia elettronica”, Daniele propone un set interamente live, ipnotico e sorprendente. Vincitore premio speciale dello “Sziget dj contest” ha già portato la sua musica a spasso per l’Europa, da Budapest a Berlino passando per Parigi.

Fonte: Comunicato ufficiale

Scroll To Top