Oscar 2016 — I vincitori, miglior film è Spotlight

Appena conclusa a Los Angeles la cerimonia di premiazione degli Oscar 2016: miglior film è

La serata si apre con il classico monologo introduttivo del conduttore Chris Rock che quest’anno, prevedibilmente, si è concentrato sulla questione Oscars So White, tra battute (“Sono i White People Choice Awards”, “Hollywood è razzista, ma con classe! Quest’anno abbiamo anche una versione nera di Rocky!”) e riflessioni serie (“Il punto è garantire a tutti le stesse opportunità”).

La sequenza dei premi quest’anno segue il processo produttivo cinematografico e quindi si parte dalle sceneggiature: senza sorprese, vincono i favoriti “Spotlight” (sceneggiatura originale) e “La grande scommessa – The Big Short” (adattamento, dal libro omonimo di Michael Lewis). E “Spotlight” di Tom McCarthy vince anche come miglior film ma il re della serata è “Mad Max: Fury Road” di George Miller con sei statuette.

Gli attori e le attrici: Leonardo DiCaprio per “The Revenant” (sì, ha vinto!), Brie Larson per “Room”, Alicia Vikander per “The Danish Girl” confermano le previsioni della vigilia, ma Mark Rylance con “Il ponte delle spie – Bridge of Spies” la spunta inaspettatamente (e meritatamente) sul Sylvester Stallone di “Creed”.

Alejandro G. Iñárritu e Emmanuel Lubezki segnano entrambi un record: Iñárritu vince come miglior regista per la seconda volta consecutiva dopo “Birdman” (prima di lui solo Joseph Makiewicz e John Ford) mentre per Lubezki è la terza vittoria di seguito dopo quelle per “Gravity” (2014) e ancora “Birdman” (2015).

Il fantascientifico “Ex Machina” vince a sorpresa per i migliori effetti visivi, e un Oscar va finalmente anche a Ennio Morricone grazie alla colonna sonora composta per “The Hateful Eight” di Quentin Tarantino. Sam Smith, premiato per la canzone “Writings on the Wall” da “Spectre” dedica il premio alla comunità LGBT (ma dice di essere la prima persona apertamente gay a ricevere un Oscar e no, Sam, non è così).

Sul palco anche i droidi di “Star Wars”, compreso il nuovo arrivo BB8, Woody e Buzz di “Toy Story”, che consegnano l’Oscar per il miglior film d’animazione ai colleghi della Pixar per “Inside Out“, e i Minions che annunciano invece il vincitore nella categoria del corto animato, il cileno “Bear Story”.

A Dave Grohl, infine, il compito di accompagnare con “Blackbird” dei Beatles il segmento In Memoriam dedicato alle personalità del mondo dello spettacolo morte nel corso della stagione appena conclusa.

Ecco l’elenco completo dei vincitori degli Oscar 2016:

Miglior film 
“Spotlight” di Tom McCarthy

Miglior regia
Alejandro G. Iñárritu per “The Revenant”

Migliore attore protagonista
Bryan Cranston per “Trumbo”
Matt Damon per “The Martian”
Leonardo DiCaprio per “The Revenant”
Michael Fassbender per “Steve Jobs”
Eddie Redmayne per “The Danish Girl”

Migliore attrice protagonista
Brie Larson per “Room”

Migliore attore non protagonista
Mark Rylance per “Il ponte delle spie – Bridge of Spies”

Migliore attrice non protagonista
Alicia Vikander per “The Danish Girl

Miglior sceneggiatura originale
Josh Singer e Tom McCarthy per “Spotlight”

Miglior sceneggiatura non originale
Charles Randolph e Adam McKay per “La grande scommessa – The Big Short”

Miglior montaggio
Margaret Sixel per “Mad Max: Fury Road”

Miglior fotografia
Emmanuel Lubezki per “The Revenant”

Miglior scenografia
Colin Gibson e Lisa Thompson per “Mad Max: Fury Road”

Migliori costumi
Jenny Beavan per “Mad Max: Fury Road”

Miglior trucco e acconciature
Lesley Vanderwalt, Elka Wardega e Damian Martin per “Mad Max: Fury Road”

Miglior film in lingua straniera
Il figlio di Saul” di László Nemes (Ungheria)

Miglior film d’animazione
“Inside Out” di Pete Docter

Miglior documentario
“Amy” di Asif Kapadia

Miglior colonna sonora
Ennio Morricone per “The Hateful Eight

Miglior canzone originale
“Writings on the Wall”, Sam Smith – da “Spectre

Miglior sound editing
Mark Mangini e David White per “Mad Max: Fury Road”

Miglior sound mixing
Chris Jenkins, Gregg Rudloff e Ben Osmo per “Mad Max: Fury Road”

Migliori effetti visivi
Andrew Whitehurst, Paul Norris, Mark Ardington e Sara Bennett per “Ex Machina”

Miglior cortometraggio
“Stutterer”, Benjamin Cleary e Serena Armitage

Miglior cortometraggio animato
“Bear Story”, Gabriel Osorio e Pato Escala (Cile)

Miglior cortometraggio documentario
“A Girl in the River: The Price of Forgiveness” di Sharmeen Obaid-Chinoy (Pakistan)

Scroll To Top