Periferie in Movimento: Documentari e cortometraggi sulla città che cambia

Per la prima volta a Genova una rassegna che vuole riflettere sulla città e su come cambiano i suoi margini. Porzioni di città che spesso si trasformano in modo spontaneo, imprevedibile, sorprendente. Una serie di ritratti della periferia urbana e sociale troppo spesso allontanata e dimenticata. Periferie in Movimento è realizzato da Laboratorio Mobile in collaborazione con il Genova Film Festival e con il sostegno del Comune di Genova.

Daò 26 al 28 febbraio in tre giorni di proiezione una panoramica su quasi dieci anni di produzione italiana di documentari e cortometraggi. Organizzati in maniera itinerante, fra il centro e luoghi che vengono chiamati periferie, ma che forse dovremmo cominciare a ripensare come i futuri centri di una città policentrica, e perché no, anche luoghi in cui andare a passare un pomeriggio e una serata interessanti, per una visione e un dibattito fra cittadini, autori ed esperti del territorio.

Da Roma a Milano a Palermo a Torino e a Napoli, sino ad arrivare a Genova: un viaggio in immagini su limiti e orizzonti delle città italiane, per uno scorcio di come si costruiscono immagini e stereotipi dei luoghi in cui viviamo.

Per la prima giornata, nella Sala Chierici della Biblioteca Berio, “Roma Intorno A Roma”, un documentario fatto di tanti piccoli film, tutti diversi l’uno dall’altro, persone e luoghi che vivono ed esistono fuori dal Raccordo Anulare della città di Roma, e ci danno della città un’immagine diversa e molto più sfaccettata di quella delle cartoline turistiche.

A seguire “Io, La Mia Famiglia Rom E Woody Allen”, scanzonato, serio e appassionante ritratto di una giovanissima regista rom al suo primo film.

Nella seconda giornata la rassegna si sposta al CEP di Prà, dove accanto a due documentari come “Ragazzini Del Librino” e “Fuori Dai Bianchi”, quest’ultimo girato a Cornigliano, verrà proiettato il cortometraggio “Aria” (già vincitore del Premio per la miglior Colonna Sonora all’8° Genova Film Festival e diretto da Claudio Noce che ha recentemente esordito nel lungometraggio con Good Morning Aman), tutti accomunati da uno sguardo verso sogni e paure dell’adolescenza. E poi, liberamente ispirato alla serie di Lupin III, “Basette”, divertente corto interpretato tra gli altri da Valerio Mastandrea e Flavio Insinna, in concorso all’11° Genova Film Festival.

Scroll To Top