Pirateria: Top ten degli stati cattivi

La pagella dei migliori e dei peggiori. Dei 72 paesi osservati nell’indagine commissionata dalla Camera di Commercio Internazionale di Londra (ICC) alla Cass Business School, City University, l’Italia risulta al 13° posto fra quelli che posseggono un sistema forte per combattere la pirateria e il furto della proprietà intellettuale. Ai primi posti dei buoni ci sono Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Francia. La Cina è la più debole, preceduta da Russia, India, Brasile, Indonesia, Vietnam, Taiwan, Pakistan, Turchia e Ukraina.

“Quei paesi la cui economia dipende massicciamente dagli investimenti stranieri, come la Cina, devono prestare maggiore attenzione e dimostrare più sensibilità verso le iniziative internazionali anti-pirateria” conclude il Professor Lampel. “Gli investimenti stranieri sono oggi uno dei motori di sviluppo economico principale. L’indagine condotta dimostra come l’attitudine favorevole verso la protezione intellettuale si ripercuota sulla volontà delle società di investire in attività produttive di beni e servizi ad alto valore aggiunto. I paesi che accusano più debolezza nella protezione della proprietà intellettuale dovrebbero prendere consapevolezza della priorità di legiferare in questa direzione, se vogliono attirare commesse di capitali stranieri e promuovere lo sviluppo di attività ad alto valore aggiunto”.

Fonte: dirittodautore.it

URL Fonte: http://www.dirittodautore.it

Scroll To Top