Polemica sul Premio Monicelli a Carlo Verdone

«Leggo che a Grosseto verrà festeggiato il mio compagno di una vita, Mario Monicelli, e il suo centenario, con una cerimonia in cui sarà premiato con il Premio Monicelli, Carlo Verdone. Salvo il rispetto e l’ammirazione per l’opera di Verdone, vorrei tornare a sottolineare come Brizzi, Scamarcio, Veronesi e Verdone non rappresentino, se non in piccola parte, il pensiero e soprattutto il cinema di Mario, sempre al confine tra commedia umana, società e politica sofferta»: così Chiara Rapaccini, compagna di Monicelli, commenta la scelta di assegnare questo riconoscimento a Verdone.

«Il mio compagno e io abbiamo amato la Maremma e vi abbiamo vissuto felicemente per anni, ma ora ho l’impressione non gradevole che il suo nome e il ‘cappello’ di ‘anno monicelliano’, venga usato per scopi un po’ ‘nazional popolari’», continua Chiara Rapaccini.

Carlo Verdone, da parte sua, esprime semplice riconoscenza: «Sono felice di accettare l’onorificenza prestigiosa che la Città di Grosseto intende conferirmi. Grosseto non è certo un posto qualsiasi per me: nella sua area ho girato uno dei film che mi è più caro, “Al lupo, al lupo”». La cerimonia di consegna è prevista per il 7 marzo, al Teatro Moderno di Grosseto.

Fonte: ANSA

Scroll To Top