Premio Andrea Parodi: La scadenza il 31 luglio

Si avvicina la scadenza, fissata al 31 luglio, per le iscrizioni al “Premio Andrea Parodi”, l’unico concorso di world music in Italia, organizzato per il sesto anno dall’omonima Fondazione e la cui fase finale è prevista a Cagliari il prossimo autunno, con la direzione artistica di Elena Ledda.

Il concorso intende valorizzare le nuove tendenze nell’ambito della musica dei popoli o “World Music”, proposte che attingono alle tradizioni culturali ma le rinnovano e contaminano. Le domande di iscrizione devono essere inviate direttamente on line tramite il format presente su www.fondazioneandreaparodi.it (per informazioni: fondazione.andreaparodi@gmail.com), dove è disponibile anche il bando.

Le domande dovranno contenere:

2 brani (2 files mp3, provini o registrazioni live o realizzazioni definitive);

testi ed eventuali traduzioni in italiano dei due brani;

curriculum artistico del concorrente (singolo o gruppo);

copia del documento di identità del concorrente se artista singolo o del rappresentante del gruppo.

Per iscriversi occorre essere maggiorenni e autori o coautori del brano in gara. Non ci sono preclusioni sulla nazionalità o sulla residenza.

Il “Premio Andrea Parodi” riceverà dal Mei il 28 settembre a Faenza al Teatro Masini un importante riconoscimento per essere, fra l’altro, “l’unico concorso in Italia che valorizza gli artisti legati specificatamente alla world music”. Un gratificazione che attesta la statura raggiunta dal Premio Andrea Parodi e la propria peculiarità. Il modo migliore per omaggiare un grande artista come Andrea Parodi, passato dal pop d’autore con i Tazenda a un percorso solistico di grande valore e di rielaborazione delle radici, grazie al quale è diventato un riferimento internazionale della world music, collaborando fra l’altro con artisti come Al Di Meola e Noa.

Alla chiusura del bando una Commissione artistica istituita dalla Fondazione selezionerà, in maniera anonima, dieci finalisti, e, per ciascuno di essi, sceglierà il brano in gara tra i due proposti; i finalisti si esibiranno al festival “Premio Andrea Parodi”, davanti a una Giuria Tecnica (addetti ai lavori, autori, musicisti, poeti, scrittori e cantautori) e a una Giuria Critica (giornalisti). Entrambe le giurie, come negli scorsi anni, saranno composte da autorevoli esponenti del settore.

Il premio consiste in una somma in denaro erogata a copertura di tutti i costi di masterclass, eventuale acquisto o noleggio di strumenti musicali, corsi e quant’altro il vincitore sceglierà per la propria crescita artistica e musicale, per un importo massimo di 2.500 euro. Un ulteriore premio è la realizzazione professionale del videoclip del brano in concorso, a spese della Fondazione Andrea Parodi. Inoltre, verrà offerta al vincitore l’opportunità di esibirsi alle edizioni 2014 del Premio Andrea Parodi, dell”European jazz expo” di Cagliari e del Negro Festival di Pertosa (SA).

L’ultima edizione si è tenuta a fine novembre 2012, presentata da Carlo Massarini con ospiti di rilievo come Enzo Avitabile, Boi Akih, Lino Cannavacciuolo e Luigi Lai. A vincere è stata Elsa Martin (Friuli), che era stata preceduta nel 2011 da Elva Lutza (Sardegna), nel 2010 dalla Compagnia Triskele (Sicilia), nel 2009 da Francesco Sossio (Puglia).

Per maggiori informazioni:www.fondazioneandreaparodi.it , fondazione.andreaparodi@gmail.com

Fonte: Comunicato ufficiale

Scroll To Top