Premio Tenco 2017: tre giorni di emozioni

Grande successo per la 41esima edizione del Premio Tenco 2017, dedicata alle Terre Di Mare.

Dal 19 al 21 ottobre sono stati tanti gli artisti che hanno calcato il prestigioso palco del teatro Ariston di Sanremo: da Carmen Consoli a Sergio Cammariere, passando per Juan Carlos Flaco Biondini, Peppe Voltarelli, Dinatatak, Massimo Priviero, Alessio Arena, Ex – Otago, Alessio Arena, Gualtiero Bertelli, Bobo Rondelli.

Ad aprire la rassegna Giuliano Sangiorgi, al suo primo Premio Tenco, che, diretto dal maestro Mauro Ottolini e accompagnato dall’Orchestra Giovanile di Sanremo, ha omaggiato Luigi Tenco cantando alcuni dei suo brani più celebri: “Vedrai Vedrai”, “Lontano Lontano”, “Un Giorno Dopo L’Altro”, “Mi Sono Innamorato Di Te”. E non solo. Non è mancata una dedica al Salento, sua terra d’origine, in linea con il tema del Premio Tenco 2017 delle culture musicali delle Terre di Mare, con “Lu Rusciu De Lu Mare”.

A chiudere, invece, Vinicio Capossela, vincitore del Premio Tenco Artista dell’Anno, che si è esibito in “Cordàmi”un set esclusivo che ha visto la partecipazione di Juan Carlos “Flaco” Biondini e Jimmy Villotti. Il risultato? Un ensemble di strumenti a corda, collegato al tema per la vicinanza con le reti e che si usano in mare, così come gli ormeggi.

Tanti sono stati i Premi: a partire da quello come Operatori Culturali, assegnato a Massimo Ranieri (che si è esibito con l’Orchestra Sinfonica diretta da Mauro Pagani) e al fadista portoghese Camanè, per arrivare alle Targhe Tenco, assegnate a Lastanzadigreta, Ginevra Di Marco, Canio Lo Guercio e Alessandro D’Alessandro, I Musicisti Di Lolli e Brunori Sas.

Grande affluenza anche al convegno “Cantautori A Scuola”, condotto da Sergio Staino, con la partecipazione, tra gli altri, del cantautore e professore Roberto Vecchioni.

 

Scroll To Top