Il programma della 15a Festa del Cinema di Roma, premi alla carriera a Steve McQueen e alla Pixar

Correlati

È stato presentato il programma della quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, che si svolgerà principalmente all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone”, oltre che in varie sale e spazi in tutta la capitale, dal 15 al 25 ottobre 2020.

Come già annunciato in precedenza, il film d’apertura della Festa sarà l’ultimo film dei Pixar Animation StudiosSoul“, diretto da Pete Docter e in uscita nelle sale a novembre, al netto delle fibrillazioni distributive dovute alla pandemia in corso. Sarà l’occasione per consegnare nelle mani del regista Pete Docter, che è anche l’attuale direttore degli studios, il premio alla carriera che il festival guidato da Antonio Monda ha deciso di dedicare loro.

Un secondo premio alla carriera andrà al regista britannico Steve McQueen (premio Oscar per “12 anni schiavo“), che a Roma presenterà i primi tre dei suoi cinque film prodotti quest’anno e che fanno parte della serie antologica BBC “Small Axe“, a novembre in streaming su Prime Video.

Fra le iniziative della manifestazione, oltre alla presentazione di anteprime italiane dei grandi film della stagione nella cosiddetta Selezione ufficiale: una serie di documentari italiani (da quello di Gabriele Salvatores sulla quarantena “Fuori era primavera“, a quello attesissimo di Alex Infascelli sul calciatore Francesco TottiMi chiamo Francesco Totti“); i primi due episodi della serie tv “Romulus“, tratta dal film di Matteo Rovere “Il primo re“; la retrospettiva sul regista indiano Satyajit Ray curata da Mario Sesti; le serie di incontri Duel dove due personalità della cultura patrocinano ciascuna un film o un cineasta a loro caro; la serie di incontri Fedeltà\Tradimenti sugli adattamenti letterari al cinema.

Altro evento di richiamo tradizionale della Festa sono gli Incontri ravvicinati, dove i più grandi nomi del cinema mondiale si ritrovano a Roma per dialogare con il pubblico. Ovviamente alcuni quest’anno limiteranno la loro presenza a un collegamento remoto in video. I partecipanti di quest’anno sono:

Ecco l’elenco delle proiezioni nelle sezioni principali della Festa:

SELEZIONE UFFICIALE

  • Soul” di Pete Docter (STATI UNITI, 90′)
  • 9 jours à Raqqa” di Xavier de Lauzanne (FRANCIA, 90′)
  • After Love” di Aleem Khan (REGNO UNITO, 89′)
  • Ammonite” di Francis Lee (REGNO UNITO, 120′)
  • Asa ga Kuru” (“True Mothers“) di Naomi Kawase (GIAPPONE, 140′)
  • De nos frères blessés” di Hélier Cisterne (FRANCIA, BELGIO, ALGERIA, 105′)
  • Des Hommes” di Lucas Belvaux (BELGIO, FRANCIA, 100′)
  • Le Discours” di Laurent Tirard (FRANCIA, 83′)
  • Druk” di Thomas Vinterberg (DANIMARCA, 110′)
  • Été 85” di François Ozon (FRANCIA, 100′)
  • Fireball: Visitors from Darker Worlds” di Werner Herzog, Clive Oppenheimer (AUSTRIA, REGNO UNITO, STATI UNITI, 97′)
  • Fortuna” di Nicolangelo Gelormini (ITALIA, 108′)
  • Home” di Franka Potente (GERMANIA, FRANCIA, 100′)
  • I Carry You With Me” di Heidi Ewing (MESSICO, STATI UNITI, 111′)
  • Lēciens” (“The Jump“) di Giedrė Žickytė (LITUANIA, LETTONIA, FRANCIA, 85′)
  • Las Mejores Familias” di Javier Fuentes-León (COLOMBIA, PERÙ, 105′)
  • Forgotten We’ll Be” di Fernando Trueba (COLOMBIA, 136′)
  • Ricochet” di Rodrigo Fiallega (MESSICO, 93′)
  • The Shift” di Alessandro Tonda (BELGIO, ITALIA, 90′)
  • Small Axe” di Steve McQueen (REGNO UNITO)
    • Mangrove” (120′)
    • Lovers Rock” (70′)
    • Red, White and Blue” (80′)
  • Stardust” di Gabriel Range (REGNO UNITO, 104′)
  • Supernova” di Harry Macqueen (REGNO UNITO, 93′)
  • Subarashiki Sekai” (“Under the Open Sky“) di Miwa Nishikawa (GIAPPONE, 126′)
  • Time” di Garrett Bradley (STATI UNITI, 81′)

(in coproduzione con Alice nella Città che ha annunciato il suo programma venerdí scorso)

  • Herself” di Phyllida Lloyd (IRLANDA, REGNO UNITO, 92′)
  • Tigers” di Ronnie Sandahl (DANIMARCA, ITALIA, SVEZIA, 115′)

TUTTI NE PARLANO

  • The Courier” di Dominic Cooke (REGNO UNITO, 111′)
  • Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani” di Max Barbakow (STATI UNITI, 87′)
  • Peninsula” di Yeon Sang-ho (COREA DEL SUD, 114′)
  • The Reason I Jump” di Jerry Rothwell (STATI UNITI, REGNO UNITO, 82′)
  • 16 printemps” di Suzanne Lindon (FRANCIA, 73′)

I FILM DELLA NOSTRA VITA

  • Incontri ravvicinati del terzo tipo” di Steven Spielberg (STATI UNITI, 135′)
  • Ultimatum alla Terra” di Robert Wise (STATI UNITI, 92′)
  • Il pianeta proibito” di Fred M. Wilcox (STATI UNITI, 98′)
  • The Host” di Bong Joon-ho (COREA DEL SUD, 119′)
  • Aliens – Scontro finale” di James Cameron (STATI UNITI, REGNO UNITO, 137′)
  • Fahrenheit 451” di François Truffaut (REGNO UNITO, 113′)
  • Star Wars: Episodio IV – Una nuova speranza” di George Lucas (STATI UNITI, 121′)

RESTAURI E OMAGGI

Restauri:

  • Padre padrone” di Paolo Taviani, Vittorio Taviani (ITALIA, 114′)
  • In nome della legge” di Pietro Germi (ITALIA, 101′)

Omaggi:

  • Vera e Giuliano” di Fabrizio Corallo (ITALIA, 65′)
  • Fellinopolis” di Silvia Giulietti (ITALIA, 79′)
  • La fellinette” di Francesca Fabbri Fellini (ITALIA, 13′)
  • Alida” di Mimmo Verdesca (ITALIA, 104′)
  • Glauber, claro” di César Meneghetti (BRASILE, 80′)
  • Donna di quadri” di Gabriele Raimondi (ITALIA, 65′)

EVENTI SPECIALI

  • Cosa sarà” di Francesco Bruni (ITALIA, 101′)
  • Francesco” di Evgeny Afineevsky (ITALIA, 118′)
  • Fuori era primavera – Viaggio nell’Italia del lockdown” di Gabriele Salvatores (ITALIA, 75′)
  • Mi chiamo Francesco Totti” di Alex Infascelli (ITALIA, 106′)
  • Ostia criminale – La mafia a Roma” di Stefano Pistolini (ITALIA, 77′)
  • Romulus” serie tv di Matteo Rovere (ITALIA, 2 episodi: 59′ + 49′)

RIFLESSI

  • Le eumenidi” di Gipo Fasano (ITALIA, 70′)
  • Hasta el cielo” di Daniel Calparsoro (SPAGNA, 121′)
  • Honeydew” di Devereux Milburn (STATI UNITI, 106′)
  • Leur Algérie” di Lina Soualem (FRANCIA, ALGERIA, SVIZZERA, QATAR, 72′)
  • Maledetta primavera” di Elisa Amoruso (ITALIA, 94′)
  • Marino y Esmeralda” di Luis R. Garza (MESSICO, 75′)
  • We Are The Thousand – L’incredibile storia di Rockin’1000” di Anita Rivaroli (ITALIA, 80′)
Scroll To Top