Venezia 77 | Annunciata la Selezione ufficiale della Mostra del Cinema 2020

Correlati

Il direttore della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, Alberto Barbera, ha illustrato alla stampa martedì mattina la 77a edizione del festival, caratterizzata dagli sconvolgimenti della pandemia di COVID-19. Sarà un’edizione ridotta nei contenuti e nella forma, che rimane comunque fisica e non virtuale: la consueta area attorno al Palazzo del cinema sarà una “zona rossa” per l’ingresso nella quale sarà necessario rispettare le prescrizioni di sicurezza fra cui il controllo della temperatura, e tutti i posti nelle sale saranno numerati e distanziati (anche per gli spettatori congiunti).

La Selezione ufficiale comprende al momento un totale di sessantadue lungometraggi nelle quattro sezioni Biennale College Cinema, Fuori concorso, Orizzonti e Concorso Venezia 77, e quattordici cortometraggi nella sezione Orizzonti. Il direttore Barbera non ha escluso la possibilità di invitare ulteriori film nei prossimi giorni.

Quattordici lungometraggi sono produzioni italiane, di cui quattro in concorso, mentre per la prima volta la Mostra si fa notare per la selezione di registe donne, che solo nel Concorso sono otto su diciotto film.

Di seguito il programma completo della Selezione ufficiale.

Concorso Venezia 77

  1. In Between Dying” di Hilal Baydarov (AZERBAIJAN, USA, 88′)
  2. Le sorelle Macaluso” di Emma Dante (ITALIA, 94′)
  3. The World To Come” di Mona Fastvold (USA, 98′)
  4. Nuevo orden” di Michel Franco (MESSICO, FRANCIA, 88′)
  5. Amants” di Nicole Garcia (FRANCIA, 102′)
  6. Laila in Haifa” di Amos Gitai (ISRAELE, FRANCIA, 99′)
  7. Und morgen die ganze Welt” di Julia von Heinz (GERMANIA, FRANCIA, 101′)
  8. Dorogie Tovarischi” (“Cari compagni”) di Andrei Konchalovsky (RUSSIA, 116′)
  9. Spy no Tsuma” (“La moglie della spia”) di Kiyoshi Kurosawa (GIAPPONE, 116′)
  10. Khorshid” (“I figli del sole“) di Majid Majidi (IRAN, 99′)
  11. Pieces of a Woman” di Kornél Mundruczó (CANADA, UNGHERIA, 115′)
  12. Miss Marx” di Susanna Nicchiarelli (ITALIA, BELGIO, 107′)
  13. Padrenostro” di Claudio Noce (ITALIA, 120′)
  14. Notturno” di Gianfranco Rosi (ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, 100′)
  15. Śniegu już nigdy nie będzie” (“Non cadrà più la neve“) di Małgorzata Szumowska, Michał Englert (POLONIA, GERMANIA, 113′)
  16. The Disciple” di Chaitanya Tamhane (INDIA, 127′)
  17. Quo vadis, Aida?” di Jasmila Zbanic (BOSNIA ED ERZEGOVINA, AUSTRIA, ROMANIA, PAESI BASSI, GERMANIA, POLONIA, FRANCIA, NORVEGIA, 101′)
  18. Nomadland” di Chloé Zhao (USA, 108′)

Orizzonti

  1. La troisième guerre” di Giovanni Aloi (FRANCIA, 92′)
  2. Meel Patthar” di Ivan Ayr (INDIA, 98′)
  3. Dashte Khamoush” (“La terra desolata“) di Ahmad Bahrami (IRAN, 102′)
  4. The Man Who Sold His Skin” di Kaouther Ben Hania (TUNISIA, FRANCIA, GERMANIA, BELGIO, SVEZIA, 140′)
  5. I predatori” di Pietro Castellitto (ITALIA, 109′)
  6. Mainstream” di Gia Coppola (USA, 94′)
  7. Guerra e pace” di Massimo D’Anolfi, Martina Parenti (ITALIA, SVIZZERA, 128′)
  8. Lahi, Hayop” (“Genus Pan“) di Lav Diaz (FILIPPINE, 150′)
  9. Zanka Contact” di Ismaël el Iraki (FRANCIA, MAROCCO, BELGIO, 125′)
  10. La nuit des rois” di Philippe Lacôte (COSTA D’AVORIO, FRANCIA, CANADA, 92′)
  11. The Furnace” di Roderick MacKay (AUSTRALIA, 116′)
  12. Jenayat-e bi deghat” di Shahram Mokri (IRAN, 139′)
  13. Gaza mon amour” di Tarzan Nasser, Arab Nasser (PALESTINA, FRANCIA, GERMANIA, PORTOGALLO, QATAR, 87′)
  14. Mila” (“Mele“) di Christos Nikou (GRECIA, POLONIA, SLOVENIA, 90′)
  15. Selva trágica” di Yulene Olaizola (MESSICO, FRANCIA, COLOMBIA, 96′)
  16. Nowhere Special” di Uberto Pasolini (ITALIA, ROMANIA, REGNO UNITO, 96′)
  17. Listen” di Ana Rocha de Sousa (REGNO UNITO, PORTOGALLO, 73′)
  18. Bu zhi bu xiu” (“Il meglio deve ancora venire“) di Jing Wang (CINA, 114′)
  19. Zheltaya koshka” (“Gatto giallo“) di Adilkhan Yerzhanov (KAZAKISTAN, FRANCIA, 90′)

Biennale College Cinema:

  1. El arte de volver” di Pedro Collantes (SPAGNA, 91′)
  2. Fucking with Nobody” di Hannaleena Hauru (FINLANDIA, 95′)

Fuori concorso – Non Fiction

  1. Sportin’ Life” di Abel Ferrara (ITALIA, 65′)
  2. Crazy, Not Insane” di Alex Gibney (STATI UNITI, 117′)
  3. Greta” di Nathan Grossman (SVEZIA, 97′)
  4. Salvatore – Shoemaker of Dreams” di Luca Guadagnino (ITALIA, 120′)
  5. Final Account” di Luke Holland (REGNO UNITO, 90′)
  6. La verità su La dolce vita” di Giuseppe Pedersoli (ITALIA, 83′)
  7. Molecole” di Andrea Segre (ITALIA, 68′)
  8. Narciso em férias” di Renato Terra, Ricardo Calil (BRASILE, 84′)
  9. Paolo Conte – Via con me” di Giorgio Verdelli (ITALIA, 100′)
  10. Hopper / Welles” di Orson Welles (STATI UNITI, 130′)
  11. City Hall” di Frederick Wiseman (STATI UNITI, 272′)

Fuori concorso – Fiction

  1. Mandibules” di Quentin Dupieux (FRANCIA, BELGIO, 77′)
  2. Di yi lu xiang” (“Love After Love“) di Ann Hui (CINA, 144′)
  3. Lacci” di Daniele Luchetti (ITALIA, 100′)
  4. Assandira” di Salvatore Mereu (ITALIA)
  5. The Duke” di Roger Michell (REGNO UNITO, 96′)
  6. Lasciami andare” di Stefano Mordini (ITALIA, 98′)
  7. Nak won eul bam” (“Notte in paradiso“) di Hoon-jung Park (COREA DEL SUD, 131′)
  8. Mosquito State” di Filip Jan Rymsza (POLONIA, 100′)

Fuori concorso – Proiezioni speciali

  1. 30 monedas” – Episodio 1, di Álex de la Iglesia (SPAGNA, 78′)
  2. Princesse Europe” di Camille Lotteau (FRANCIA, 108′)
  3. Omelia contadina” di Alice Rohrwacher, JR (ITALIA, FRANCIA, 9′)
Scroll To Top