Remake con Chloe Moretz diretto da Kimberly Peirce

Kimberly Peirce è una regista non proprio prolifica. Aveva esordito nel 1999 col bellissimo e durissimo “Boys Don’t Cry”. Dovemmo aspettare solo il 2008 per vedere la sua opera seconda, “Stop-Loss” che rimandava di nuovo a una storia vera ed era interpretato da Ryan Philippe nel ruolo di un ex soldato in Iraq che decideva di disertare.

Ma cosa bolle in pentola adesso? Lo scorso fine settimana la Peirce si è incontrata con Chloe Moretz, giovanissima ma orma lanciata da “Hugo Cabret” di Scorsese e dall’imminente “Dark Shadows” burtoniano, per un remake di un classico dell’orrore firmato da Brian Da Palma, “Carrie, Lo Sguardo Di Satana”, tratto dal primo romanzo di Stephen King. La Moretz dovrebbe riprendere il ruolo che fu di Sissy Spacek.

Secondo fonti accreditate pare che al film manchi solo l’ufficialità, ma la cosa è già sicura. Non possiamo che essere contenti nel ritrovare una brava regista, una storia che ha fatto rabbrividire generazioni e un’attrice molto brava. Certo, riprodurre un cult come Carrie è rischioso, ma confidiamo nelle già confermate doti della regista.

Scroll To Top