Rihanna vince causa contro Topshop per una t-shirt non ufficiale

Rihanna ha vinto la battaglia legale contro Topshop, dopo che il marchio aveva usato la sua immagine su una t-shirt senza chiederle il consenso.

La Corte di Appello di Londra, chiamata a pronunciarsi sul caso ha sancito che la vendita di questi capi d’abbigliamento deve essere vietata e che la vendita costituisce un abuso del nome di Rihanna. Questa è la prima volta che una celebrità vince una causa del genere.

Rihanna portò per la prima volta in tribunale la casa nel 2013, quando il giudice Briss le diede ragione sostenendo che un numero sostanzioso di acquirenti avrebbe potuto comprare la maglietta pensando che fosse stata approvata da Rihanna stessa. L’immagine, infatti, era simile a quella del disco.

Nell’appello di oggi la Topshop ha sostenuto che Briss non avesse compreso la legge sul merchandising delle celebrità e che Rihanna avesse interpretato male la legge. I giudici della Corte d’Appello, invece, hanno confermato la prima sentenza.

Ora non resta che aspettare il nuovo disco di Rihanna, seguito del fortunato Unapologetic del 2012, che dovrebbe essere pubblicato proprio nel 2015. Secondo indiscrezioni nel disco dovrebbe esserci anche il campionamento di “Night“ dei Florence + The Machine, ma mancano ancora conferme ufficiali.

Scroll To Top