Rock In Idro 2009: Lo spostiamo perché costretti

Questo il grido di denuncia del team di Hub Music Factory, che si è trovato costretto a spostare il festival dall’Idroscalo di Milano al PalaSharp, rinunciando ai benefici di un festival all’aria aperta.
Lasciamo la parola direttamente a loro.

Abbiamo letto in questi giorni i vari commenti alla luce del “trasferimento” imposto dalla Provincia di Milano dall’Idroscalo al Palasharp.
Con alcuni di voi, che ci hanno scritto direttamente, siamo riusciti a spiegare bene come sono andate le cose, ma leggendo nella rete abbiamo notato che non è molto chiaro quanto e’ accaduto e quindi con questa lettera vorremmo lo fosse una volta per tutte perche’ deve essere chiaro che non siamo stati noi a scegliere di spostare il festival ma ci è stato imposto dalla Provincia dopo che avevano confermato.

Siamo i primi a subire questa decisione politica che ci coinvolge sia professionalmente che come amanti della musica live e proprio per questo ci siamo trovati davanti a due scelte:
1) annullare il festival
2) cambiare location

Proprio perche’ amiamo il nostro lavoro e consideriamo il bill di Rock In Idro il migliore che ci sia mai stato non abbiamo voluto nemmeno prendere in considerazione l’idea che per una campagna elettorale si annulli un evento come questo.
Da qui la decisione di spostarci ed il posto più centrale possibile, con metropolitana ed accesso all’autostrada vicini era il Palasharp.

Ora faremo il possibile per allestirlo sia fuori che dentro nel miglior modo, con tutte le caratteristiche del Rock In Idro e, come abbiamo ricevuto comprensione e solidarietà dagli artisti che siamo veramente fieri di ospitare speriamo che anche il pubblico che verra’ a vedere questi artisti sia altrettanto comprensivo e capisca esattamente CHI ha voluto che questa manifestazione si spostasse, che non e’ di certo l’organizzazione di Rock In Idro.

Scroll To Top