Romaeuropa Festival: Due serate omaggio a Luciano Berio

Correlati

Il 7 e l’8 novembre nel decennale della scomparsa di Luciano Berio, Romaeuropa rende un omaggio a questo grande protagonista della musica del Novecento con due serate, il 7 e l’8 novembre (Opificio Telecom Italia ore 19.00) in cui verranno eseguite alcune delle sue opere più pionieristiche, i lavori per musica elettronica.

Un’occasione rara di ascolto per alcune composizioni e di riproposta interpretativa per le più note, in un percorso esecutivo e di proiezione spaziale curato dal regista del suono Francesco Giomi di Tempo Reale, il centro per le nuove tecnologie applicate alla musica, fondato da Berio stesso a Firenze, nel 1987. Alle musiche saranno abbinati i video di Devis Venturelli, vincitore nel 2011 del Romaeuropa webfactory – creati appositamente sulle partiture di Berio.

Figura fondamentale della storia della musica Luciano Berio (1925-2003) ha contribuito in maniera fondamentale allo sviluppo della musica elettronica: assieme a Bruno Maderna nel 1955 fonda lo Studio di Fonologia della Rai di Milano, una vera fucina di sperimentazioni e di incontri creativi con personaggi come Umberto Eco, John Cage, Henri Pousseur. Di questo periodo pionieristico (1957 – 1961) ecco l’aurorale “Perspective”, “Momenti”, e due brani, “Thema (omaggio a Joyce)” e “Visage”, dove spicca la voce di Cathy Berberian, indimenticabile interprete della musica contemporanea e prima moglie dello stesso Berio. “Chants parallèles” invece è del 1975, anno in cui Berio realizza anche “a-ronne” documentario radiofonico per cinque attori su testo di Edoardo Sanguineti.

Sono opere per nastro magnetico –con suoni elettronici o elettronicamente manipolati– che non perdono il loro fascino. La musica di Luciano Berio viene riproposta attraverso lo sguardo visionario di Devis Venturelli, che indaga le interazioni tra performance, architettura e cultura contemporanea. I suoi film sperimentali sono stati presentati in istituzioni internazionali tra cui ZKM di Karlshruhe, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, la Kunsthalle di Vienna. I sei video inediti tracciano un percorso che immagina la musica di Berio, in poetiche fughe nella città di vetro e cemento, miraggi stranianti, forme libere nello spazio che rivelano la loro natura di generatori sonori.

Programma

7 novembre

Thema (omaggio a Joyce), elaborazione elettroacustica della voce di Cathy Berberian su nastro magnetico (1958). Testo di James Joyce

Chants parallèles, per suoni elettronici su nastro magnetico (1975)

Visage, per suoni elettronici e la voce di Cathy Berberian, su nastro magnetico (1961)

8 novembre

Perspectives, per suoni elettronici su nastro magnetico (1957)

a-ronne, documentario radiofonico per cinque attori (1975). Testo di Edoardo Sanguineti

Momenti, per suoni elettronici su nastro magnetico (1960)

Fonte: Comunicato

Scroll To Top