SAG Awards 2015, i vincitori

Fine settimana di successi per “Birdman” di Alejandro González Iñárritu che dopo essere stato premiato sabato sera dalla Producers Guild of America, domenica ha vinto come miglior cast ai SAG Awards, i riconoscimenti assegnati dal sindacato degli attori SAG-AFTRA (Screen Actors Guild e American Federation of Television and Radio Artists).

Eddie Redmayne (nella foto) è andata la statuetta come migliore attore protagonista per “La Teoria del Tutto” di James Marsh, dove interpreta l’astrofisico Stephen Hawking, mentre Julianne Moore ha primeggiato nella categoria femminile come protagonista di “Still Alice“. Migliori attori non protagonisti sono Patricia Arquette per “Boyhood” di Richard Linklater e J.K. Simmons per “Whiplash”. Migliori stunts cinematografici (cioè le controfigure usate per le scene fisicamente più impegnative o pericolose)  sono risultati infine quelli di “Unbroken”, il film diretto da Angelina Jolie che sarà nelle sale da giovedì 29 gennaio.

I SAG Awards sono considerati un buon indicatore per capire cosa ci aspetta alla notte degli Oscar perché gli attori costituiscono il branch più numeroso dell’Academy, con circa mille membri su seimila totali. E “Birdman”, con in tasca il PGA e il SAG al miglior cast, diventa uno dei maggiori favoriti all’Oscar come miglior film.

Nelle categorie televisive i SAG 2015 hanno premiato i cast di “Downton Abbey” e “Orange is the New Black“, Kevin Spacey per “House of Cards”, Viola Davis per “How to Get Away With Murder”, William H. Macy per “Shameless”, Uzo Aduba per “Orange is the New Black”, Mark Ruffalo per “The Normal Heart” e Frances McDormand per la miniserie “Olive Kitteridge” che proprio in questi giorni è arrivata su Sky Cinema 1 dopo l’anteprima alla Mostra di Venezia.

Su sagwards.org è disponibile l’elenco completo dei vincitori.

Scroll To Top