Samuele Bersani: Il testo più bello di Sanremo

È della canzone “Un Pallone”, di Samuele Bersani, il testo più bello di Sanremo 2012, parola di Lunezia. Come ogni anno, gli esperti in “Musical-Letterarietà” del Premio Lunezia hanno infatti espresso la loro opinione su ciò che è dato conoscere nelle ore precedenti al Festival di Sanremo: i testi delle canzoni.

Secondo Paolo Talanca (responsabile della Redazione Musical-Letteraria del Premio Lunezia) infatti: «Nonostante giudicare solo il testo di una canzone sia come guardare in bianco e nero un film a colori, le parole di Bersani hanno il giusto equilibrio tra la chiarezza del contenuto e la bellezza della metafora poetica. La canzone parla dell’Italia tramite un pallone sgonfio; Bersani ha costruito un testo davvero “d’autore”, con uno stile personale e immagini che si capiscono senza spiegazione, perché comunicano da inconscio a inconscio».

Interessanti anche il testo di Noemi e quello di Emma. Ancora secondo Paolo Talanca: «Se comunque la canzone di Bersani è poco sanremese, forse il testo di Noemi Sono solo parole (di Fabrizio Moro) è quello più convincente nel contesto festivaliero: parla dell’icona amorosa con un interessante movimento di accumulazione nelle strofe iniziali, che sembrano elencare immagini positive, ma che poi esplodono nella negazione dell’amore e nella citazione di Parole parole di Mina; un testo quindi ben equilibrato tra riconoscibilità e sorpresa artistica. Anche se Emma non è nuova all’impegno sociale, invece, il suo brano Non è l’inferno è da segnalare perché può sfruttare l’effetto sorpresa di un tema impegnato, per un’artista dalla quale ci aspetteremmo comunque una classica canzone d’amore, soprattutto a Sanremo».

Fonte: comunicato stampa

Scroll To Top