Sguardi Altrove Film Festival 2015, a Milano fino al 28 marzo

Milano sta ospitando in questi giorni la 22esima edizione di Sguardi Altrove International Film Festival, rassegna milanese dedicata al cinema e ai linguaggi artistici al femminili, che proseguirà fino a sabato 28 marzo.

Identità plurime, identità negate. Diaspore territoriali” è il tema dell’edizione 2015: una riflessione che verte da un lato sul concetto di identità plurime, segni distintivi di culture diverse; dall’altro, sull’idea di identità negate, legata alle diaspore territoriali, ai dislocamenti e re-insediamenti di popoli, etnie, gruppi sociali, costretti spesso a una mobilità forzata.

Il calendario della manifestazione si presenta ricco di anteprime, proiezioni, incontri, mostre e workshop. Sono cento i film presentati quest’anno, con il 60% di anteprime italiane. Il ricchissimo programma è diviso in tre sezioni competitive: Nuovi sguardi per i lungometraggi, Le donne raccontano per i documentari e Sguardi (S)confinati dedicata ai cortometraggi.

Tra le tante proiezioni, si segnalano quelle di due documentari sulla Siria e sui rifugiati, patrocinati da Amnesty International: “Young Syrian Lenses”, di Ruben Lagattolla e Filippo Biagianti, film indipendente sui media activist e sui fotografi siriani che documentano quotidianamente le violazioni dei diritti umani nell’assediata Aleppo, e “Terra di transito“,  docufilm di Paolo Martino, che affronta il tema delle migrazioni in Italia e in Europa a partire dal racconto di un bambino rifugiato.

Il programma include numerosi eventi speciali, tra cui quello dedicato alle opere di confine tra cinema e teatro, previsto per venerdì 27 marzo, in occasione della Giornata Internazionale di Teatro, in cui verrano presentanti: il documentario “Da dentro a fuori San Vittore Globe theatre“, che vede in scena le attrici dell’Associazione Orbite Fuori Centro in collaborazione con attrici detenute ed ex detenute del gruppo artistico del CETEC – Centro Europeo Teatro e Carcere; “Viaggio di Kalibani“, storia di una compagnia teatrale berlinese che vede impegnati sulle scene persone di diversa estrazione sociale con handicap fisici o mentali; “Dangerous Act Starring the Unstable Elements of Belarus“, lo straordinario documentario sui membri del Belarus Free Theatre, compagnia teatrale bielorussa messa fuorilegge dal governo perché sovversiva.

Inoltre, in questa edizione sarà inclusa una breve sezione dedicata alla musica dei nostri tempi, che propone due videoritratti di straordinari artisti quali Benedetta Mazzini, in arte Mina, e del jazzista Gaetano Liguori, in un intenso racconto tra vita e carriera. Questa sezione si concluderà il sabato 28 marzo con il concerto del chitarrista siciliano Pippo Rinaldi, in arte Kaballà, performance ibrida tra cinema, letteratura e canzone.

Inoltre, giovedì 26 marzo è prevista anche una serata di raccolta fondi in collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi, a sostegno della ricerca sul tumore al seno e del progetto PINK IS GOOD, durante la quale verrà proiettato il film “Allacciate le cinture” (2014) di Ferzan Ozpetek, ospite in sala assieme a Umberto Veronesi.

Organizzato dall’Associazione Sguardi Altrove-Donne in Arti Visive con la direzione artistica di Patrizia Rappazzo, il festival si svolgerà tra lo Spazio Oberdan, il Cinema Beltrade, la Casa dei Diritti e l’Auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare.

Potete scaricare il programma del festival in pdf qui. Per maggiori informazioni, si rimanda al sito della manifestazione.

Scroll To Top