Shaggy: Mr. Boombastic a Roma

Trascorso un decennio, dopo sei album, dei quali due sono multiplatino, cinque N°1 e undici singoli affermati tra i primi dieci posti in classifica in tutto il mondo, il vincitore dei Grammy e artista dell’etichetta Big Yard Shaggy è, ora così come allora, intensamente al lavoro.

Fare una musica che celebra la propria cultura e avere il ruolo di ambasciatore per la musica Reggae sono sempre stati gli elementi trascinanti nel cuore dell’unico artista vivente giamaicano in grado di vendere milioni di copie.

Nei primi anni ’90 Shaggy esordì sulla scena con il suo remix del classico ska “Oh Carolina”, fu il primo disco reggae uscito dalla scena dancehall underground a imporsi nel circuito mainstream. Poco dopo “Boombastic” (disco di platino) con il suo incalzante ritmo dub, consolidò Shaggy come hitmaker della dancehall in grado di vincere il Grammy Award nel 1996 come migliore album reggae.

Quando “Hotshot” arrivò sulla scena nel 2000, nessuno avrebbe potuto prevedere che si sarebbe trattato dell’album destinato a rendere Shaggy un artista totalmente unico nel campo della dancehall. “Hotshot”, l’album più venduto nel 2001: più di 13 milioni di copie in tutto il mondo, balzò ai primi posti in classifica simultaneamente in USA, UK, Germania e Australia. L’album ha ricevuto sette volte il disco di platino in Canada e sei volte negli Stati Uniti. “Hotshot” si proiettò come un razzo al vertice delle classifiche con due fenomenali singoli: “It Wasn’t Me” e “Angel”, con la partecipazione di due nuove rivelazioni della scuderia Big Yard, rispettivamente Rik Rok e Rayvon.

L’autunno del 2005 vide la pubblicazione di “Clothes Drop”, un album che regalò al pubblico di Shaggy singoli dancehalld’alta classifica come “Wild2nite” e “Ready Fi Di Ride”. Una persistente attività nella scena dancehall è ciò che rende Shaggy sempre attuale, lui è’ uno dei rarissimi artisti reggae ad avere costantemente un singolo nuovo che suona e gira nel mercato musicale.

L’autunno del 2006 non ha fatto eccezione in questo senso e Shaggy ne ha pubblicato uno giusto per il gusto di sorprendere le masse: si tratta di “Reggae Vibes” un brano che è stato acclamato in Giamaica e che vede Shaggy nel ruolo di vero e proprio cantante, non di rapper-toaster-deejay.

“Reggae Vibes” contenuta su Intoxication (versionne italiana) è la prima canzone ad avere il famoso deejay nella veste di cantante, un segnale in più che dimostra che a Shaggy tutto è possibile.

Shaggy ha venduto oltre 20 milioni di album, ma non valuta tale risultato con superficialità. Essendo cosciente che i record sono fatti per essere superati, ecco Shaggy in studio impegnato con il suo ultimo album “Intoxication” pubblicato nel tardo autunno del 2007 in tutto il Mondo, in Italia dalla neo-nata etichetta Jahmekya Music.

SHAGGY feat. Rayvon
introduced by PAPA GIANNI & GGD (SUD SOUND SYSTEM), MARINA, PAPA LEU & RANKIN LELE

ingresso: 10 euro

@ FESTA DELL’UNITA’ DI ROMA
V.le Terme Di Caracalla – ingresso lato Circo Massimo

infoline: 06 70305684; info@circoloartisti.it

Scroll To Top