Simone Cristicchi: “Dialoghi Incivili”

Ecco in arrivo la biografia di Simone Cristicchi, “cantante, attore, autore, poeta, cantastorie e menestrello del XXI secolo”, edito da elèuthera.

Un dialogo, con l’amico e co-autore Massimo Bocchia, in cui il cespuglio-pensatore ricorda e racconta, parla di sé e della musica, del suo lavoro, del suo essere ‘one man show’ a teatro come allo stadio, nelle scuole come sul palco di Sanremo, con la band, col Coro dei Minatori di Santa Fiora o lo Gnu Quartet, oppure nella narrazione de Li Romani in Russia o la tournée CIM – Lettere da un manicomio.

Poliedrico, schizofrenico, testardo e ingenuo, cespuglio-Cristicchi svela il carattere forte e l’anima bella di un ‘cantattore’ sempre affamato di giustizia, assetato di libertà, famelico di sapere, curioso di conoscere, documentatissimo su ciò che racconta, appassionato nel confrontarsi. con sé, gli altri, il mondo, per raccontare e dar voce a uomini e donne desinati altrimenti a rimanere bruchi della storia senza diventare mai farfalle: i soldati, i matti, i precari, i sopravvissuti, i terremotati…

Ma anche lucido osservatore e straordinario interprete nel denunciare e ironizzare sugli eccessi della politica, della società dei mass-media, degli abusi del potere, dei pestaggi delle forze dell’ordine, dei “mali intesi” ricorrenti, della malevolenza di molta gente di chiesa, delle censure e delle minacce ricevute, la violenza negli stadi…

Scroll To Top