Sly& The Family Stone, il 17 luglio live At The Filmore East

Nella giornata prevista per il Record Store Day 2015, il 18 Aprile, verrà pubblicato un live inedito della storica formazione Sly& The Family Stone al leggendario Fillmore East nelle giornate del 4 e 5 Aprile del 1968.  I brani dal vivo sono stati selezionati da “Captain” Kirk Douglas dei The Roots e saranno disponibili in un doppio LP in edizione limitata chiaramente; mentre il 17 Luglio sarà possibile acquistare il live in una quadrupla versione in CD.

Sly & The Family Stone è una delle band che ha maggiormente influenzato il corso della musica negli anni ’60 e ’70 con il suo funky viscerale e l’impegno sociale molto presente all’interno dei testi. La pettinatura afro e la sensuale “If You Want Me To Stay” sono tra i simboli che hanno fatto la storia di Woodstock.
Questa raccolta live presenta un lato inedito della band, che il 4 e 5 ottobre ’68, poco dopo l’uscita di “Life”, il loro terzo album, calcò il palco di Bill Graham al leggendario Fillmore East di New York City. Erano gli anni in cui la band californiana elettrizzava i palchi di tutta America costruendo il mito a cui ancora oggi molti musicisti si ispirano.
I quattro show che si sono tenute nel corso delle due serate (due a sera, bei tempi) sono stati registrati dalla casa discografica del gruppo, la Epic Records, con l’intenzione di pubblicarli poco dopo; il progetto venne però accantonato dopo l’uscita di Everyday People, singolo che si classificò primo nella Billboard Hot 100 nel 1969 e che segnò l’anno della svolta della band con l’album “Stand!”.

“Sly & The Family Stone—Live At The Fillmore East October 4th & 5th 1968” oltre a documentare le quattro serate registrate al Fillmore East sono alche la prima pubblicazione ufficiale live della band di San Francisco.

Kirk Douglas, il chitarrista dei The Roots ha dichiarato: “Questa performance è una dimostrazione vivente di quanto Sly & The Family Stones fossero, a quel punto della loro carriera, una vera forza della natura. Ogni componente della band brilla in un modo che posso solamente descrivere come una rivelazione. Era divertente ascoltare la band liberarsi dagli arrangiamenti in studio per dare nuove interpretazione alle canzoni che conosciamo. E pensare che lo facevano due volte insieme in una sola serata ! La parte più dura del rock e la più funky del soul salta fuori dalle casse insieme a un messaggio che è rilevante tanto oggi quanto ieri. Questo merita di essere suonato FORTE!”

Come potremmo, noi di LoudVision, non seguire un consiglio simile ?

Scroll To Top