Sundance 2009: Il festival parla come il tiggì

In tempi di crisi economiche, terrorismo e guerre, anche il cinema parla come un tiggì.

Al Sundance Film Festival le crisi sociali e i mutamenti politici sono raccontati nei numerosi documentari giunti alla rassegna.
Anche la storia di Anna Politkovskaja e la repressione in Birmania sono temi trattati sui maxischermi della kermesse che chiuderà le porte il 25 gennaio.

Opera dei registi italiani Paolo Serbandini e Giovanna Massimetti è il documentario “211: Anna”, sull’assassinio della giornalista Politkovskaja.

Scroll To Top