Targa Giovani: Ecco i vincitori, premiazioni il 28 luglio

La giuria selezionata dal fior fiore della stampa musicale nazionale, e composta nientepopodimenoche da: Luca d’Ambrosio (Musicletter.it), Orazio Martino (Gli Osservatori Esterni), Gianluigi Peccerillo (Dance Like Shaquille O’Neal), Andrea Diani (Raduni), Luigi Prosperi (Indiepatici), Daniele Ferriero (Rumore/Vice), Marina Pierri (Rolling Stone), Pasquale Rinaldis (Il Fatto Quotidiano), Jessica Dainese (Alias/Il Manifesto), Matteo Cruccu (Corriere della Sera), Francesco Bommartini (L’Arena di Verona).

Con la supervisione e il coordinamento di Luca Minutolo e Giordano Sangiorgi del MEI – Meeting degli Indipendenti ha elargito il suo verdetto.

I “giovani più giovani dei giovani” di quest’annata musicale, secondo le teste pensanti della critica musicale italiana, insigniti della Targa Giovani MEI 2.0 sono Brothers In Law, Mecna, Girless & The Orphan, Fast Animals And Slow Kids, Criminal Jokers, e l’etichetta indipendente Fallodischi, rispettivamente nelle seguenti categorie:

Migliore Band: Brothers In Law

Miglior Solista: Mecna

Miglior Live: Fast Animals And Slow Kids

Miglior Disco: Girless & The Orphan con “Nothing To Be Worried About Except Everything But You”

Miglior Testo: Criminal Jokers “Fango”

Miglior Etichetta: Fallodischi

Inoltre, lo speciale premio “Social” assegnato da Fabrizio Galassi al giovane artista che fa il miglior uso dei social network per la diffusione della propria musica, e per gestire in maniera diretta il rapporto con i propri fan, va a Mecna, per la seguente motivazione: “Mecna è uno ‘scrittore di canzoni rap’ (ipse dixit) e graphic designer, impostando parte della sua galassia web sul visual. Il sito ufficiale è un mosaico di notizie, aggiornamenti, immagini, ma allo stesso tempo facilmente navigabile. La parte social, quella dove la grafica ha purtroppo meno spazio, riesce comunque a rifornire d’informazioni più di 33.400 persone tra Facebook, Twitter e SoundCloud. Oltre a conoscere molto bene le regole della comunicazione liquida, Mecna dimostra che è necessario offrire qualcosa in più della semplice call-to-action”.

Vincitori, vinti o semplici figuranti, ci vedremo tutti sabato 28 settembre al Teatro Masini di Faenza in una serata ricca di esibizioni live, premi, ospiti, colpi di scena e red carpet manco fosse la notte dei Telegatti.

Perché l’Italia, a discapito delle apparenze, non è un paese per vecchi.

Scroll To Top