The Rolling Stones: Addio EMI

È di pochi giorni fa la notizia secondo la quale il colosso EMI avrebbe intenzione di licenziare non solo circa 2000 dipendenti, ma anche qualcosa come 14000 band. La label dichiara che circa l’85% di tutto quel che immette sul mercato non solo non crea profitto, ma anzi causa forti perdite.

Sempre riguardo a questo tema, si è saputo che circa un milione di copie rimaste invendute di “Rudebox”, ultimo album di Robbie Williams, sarà spedito in Cina, lavorato e riutilizzato per ripavimentare e illuminare strade. Che poi, probabilmente, noi ci vedremo arrivare dalla Cina circa 3 milioni di copie dello stesso album, ma piratate, è tutt’altro discorso.

La EMI non aveva però previsto che una delle band che più di ogni altra contribuisce ad ingrassare quel 15% di profitto, i Rolling Stones, avrebbe abbandonato l’etichetta.

È infatti notizia di oggi la firma di un contratto con Universal, valido per un solo album, pare.

Il gruppo sarebbe “molto contento di aver firmato con Universal, ed eccitato all’idea di questa nuova avventura”, secondo le parole di un portavoce della stessa.

Scroll To Top