Torino Film Festival 2014, il programma

È stato annunciato questa mattina in conferenza stampa a Roma il programma del 32esimo Torino Film Festival (21 – 29 novembre) diretto da Emanuela Martini.

La sezione competitiva Torino 32 — riservata a opere prime, seconde e terze — propone quindici titoli, tra cui l’horror australiano “The Babadook” di Jennifer Kent, “Big Significant Things” di Bryan Reisberg con Harry Lloyd, “Felix & Meira” di Maxime Giroux (già al TFF nel 2008 con l’esordio “Demain”), “Frastuono” di Davide Maldi, “N-Capace” di Eleonora Danco e il neozelandese “What We Do in the Shadows” di Jemaine Clement e Taika Waititi.

E passiamo alla ricca sezione Festa Mobile, ovvero «il “bottino” di film — spiegano i selezionatori — che ci sono piaciuti, raccolti in giro per il mondo e ancora inediti in Italia»: “‘71″ di Yann Demange (ambientato a Belfast durante la guerra civile), “La chambre bleue” di Mathieu Amalric, “The Homesman” di Tommy Lee Jones e “The Rover” di David Michôd (visti a Cannes);

e ancora, “A Second Chance” di Susanne Bier, “The Disappearance di Eleanor Rigby: Him & Her” di  Ned Benson con Jessica Chastain e James McAvoy (qui nella versione completa e divisa in due film, a Cannes c’era il film unico “Them”), “Gemma Bovery” di Anne Fontaine (già annunciato come film di apertura), il ritorno sul grande schermo di “Via col vento” di Victor Fleming e “Profondo rosso” di Dario Argento, “The Theory of Everything – La teoria del tutto” di James Marsh con Eddie Redmayne nei panni di Stephen Hawking, “Whiplash” di Damien Chazelle (premiato al Sundance) e “Magic in the Moonlight” di Woody Allen, che arriverà nelle sale pochi giorni dopo.

Interessante come sempre anche la selezione di documentari in TFFdoc, da “Actress” di Robert Green a “The Term” di Pavel Kostomarov, Aleksei Pivovarov e Aleksandr Rastorguev (degli autori abbiamo parlato qui), dal siriano “The Immortal Sergeant” di Ziad Kalthoum a “Storm Childre, Book 1″ di Lav Diaz.

E poi i cortometraggi, la sezione Onde («mappa tracciata dal cinema su orizzonti geografici e strategie cinematografiche che forzano il dispositivo del filmare in direzione della vita») con l’omaggio a Josephine Decker, e la seconda parte della retrospettiva sul nuovo cinema americano degli anni 70.

Il programma completo del Torino Flm Fest 2014 è disponibile su torinofilmfest.org

Scroll To Top