Torino Film Festival 2014, tutti i vincitori

Si chiude questa sera la 32esima edizione del Torino Film Festival (21 – 29 novembre) sotto la direzione artistica di Emanuela Martini.

Il vincitore di Torino 32, il concorso internazionale lungometraggi, è il francese “Mange tes morts” di Jean-Charles Hue (nella foto, qui la nostra recensione). Il Premio Speciale della Giuria – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo va invece a “For Some Inexplicable Reason” di Gábor Reisz (Ungheria), scelto anche dagli spettatori per il Premio del Pubblico.

Come migliore attrice vincono ex-aequo Sidse Babett Knudsen per “The Duke of Burgundy” di Peter Strickland (UK) e Hadas Yaron per “Felix & Meira” di Maxime Giroux (Canada). Premiato per “Felix & Meira” anche il protagonista maschile, Luzer Twersky.

A “What We Do in the Shadows” di Jemaine Clement e Taika Waititi va il premio per la migliore sceneggiatura. Menzione speciale, infine, a “N-Capace” di Eleonora Danco (Italia).

La giuria di Torino 32 era composta da Ferzan Ozpetek (presidente), Geoff Andrew, Carolina Crescentini, Debra Granik (che al Festival quest’anno ha presentato “Stray Dog”) e György Pálfi.

E arriviamo alla sezione dedicata ai documentari, TFFdoc: il miglior documentario internazionale — scelto da Marek Hovorka, Fred Keleman e Jean-Baptiste Morain — è “Endless Escape, Eternal Return” di Harutyun Khachatryan (Armenia/Olanda/Svizzera), quello italiano — secondo la giuria composta da Maria Bonsanti, Jacopo Quadri e Marco Santarelli — è “Rada” di Alessandro Abba Legnazzi.

Panorama” di Gianluca Abbate vince invece come miglior cortometraggio della selezione giudicata da Silvia Calderoni, Niccolò Contessa e Rä Di Martino.

Il Premio Cipputi 2014, che Torino assegna al miglior film sulla tematica del lavoro va a “Triangle” di Costanza Quatriglio.

L’elenco completo dei premiati è disponibile anche su torinofilmfest.org

Scroll To Top