Torna in dvd nel suo doppiaggio originale

Da anni i fan di Leone lamentavano la scelta di aver distribuito (da parte della Warner) il dvd dell’ultimo film del Maestro in un doppiaggio diverso rispetto a quello originale del 1984, voluto dal regista. Non si trattava soltanto di una (comunque giustissima e giustificabilissima anche a livello poetico visto il film) nostalgia cinefila, ma anche di rispettare una scelta d’autore.

La notizia è arrivata da Libero, ieri. Andrea Leone, insieme alla sorella Raffaella, con la loro Leone Production, hanno acquistato da Arnon Milchan i diritti per la distribuzione del film in Italia. «Ora la pellicola andrà al setaccio al Laboratorio “L’immagine Ritrovata” della Cineteca Nazionale di Bologna. E soprattutto rimonteremo gli spezzoni di girato, tagliati da mio padre per questione di durata». Le sequenze reintegrate (mai doppiate da Leone) saranno presentate in lingua originale con i sottotitoli e per rifinirne filologicamente la ricostruzione, Andrea Leone spera di poter avere per l’officio un grande cineasta esperto del restauro e ammiratore del padre degli spaghetti western: i nomi citati sono altisonanti, Scorsese e Tarantino.

Alla felicità per questa notizia si aggiunge però una piccola preoccupazione: è proprio necessario integrare le scene tagliate nella versione uscita al cinema? Non sarebbe più corretto lasciare comunque intatta la versione definitiva di Leone e piazzare negli extra le sequenze mai entrate nell’edizione definitiva?

Scroll To Top