Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza, il trailer italiano

Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza” (titolo internazionale “A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence”, titolo originale “En duva satt på en gren och funderade på tillvaron”) è il film dello svedese Roy Andersson vincitore del Leone d’Oro alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2014. A distribuirlo in Italia sarà Lucky Red a partire dal 19 febbraio e qui sotto trovate il trailer ufficiale.

Andersson — così scrivevamo da Venezia, qui la recensione completa — mira ad una rappresentazione della vita nella sua grandiosità e nella sua meschinità, in chiave filosofico-grottesca, con innumerevoli riferimenti colti, di cui alcuni impliciti (il teatro dell’assurdo di Beckett) e altri esplicitamente dichiarati, come “Don Chisciotte” di Cervantes, “Uomini e topi” di John Steinbeck e “Delitto e castigo” di Dostoevskij)».

Di seguito riportiamo anche la breve (e surreale) sinossi del “Piccione”:

Tre incontri con la morte

Un uomo muore di infarto tentando di aprire una bottiglia di vino con tutte le sue forze, mentre la moglie, ignara, continua a preparare la cena in cucina.

Un’anziana sul letto di morte stringe a sé la borsetta piena di gioielli, mentre i figli cercano di estrarla dalla sua stretta disperata: “Non ti è permesso portarli con te in paradiso, mamma, ti daranno dei nuovi gioielli lassù…”

Un passeggero muore stramazzando al suolo nel bar di un traghetto, subito dopo aver pagato il suo pranzo. Il cassiere chiede: “Qualcuno lo vuole? È gratis.

Scroll To Top