Venezia 71, le giurie

Ieri è stato annunciato il programma completo della 71esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che si svolgerà al Lido dal 27 agosto al 6 settembre.

Conosciamo meglio anche le giurie chiamate a valutare i film della selezione ufficiale.

Presidente della giuria internazionale del Concorso Venezia 71 sarà, come già annunciato, il compositore francese Alexandre Desplat (sue le colonne sonore di “Philomena”, “Zero Dark Thirthy”, “Carnage”, “New Moon”, “Reality” e moltissimi altri).

Lo affiancheranno l’attrice e regista cinese Joan Chen (la ricorderete in “Twin Peaks”), il regista tedesco Philip Gröning che l’anno scorso a Venezia ha vinto il Premio Speciale della Giuria con “La moglie del poliziotto“, la regista austriaca Jessica Hausner (“Lourdes“, “Amour Fou“);

la scrittrice statunitense di origine indiana Jhumpa Lahiri (premio Pulitzer con “L’interprete dei malanni”, 1999), la costumista inglese Sandy Powell (premio Oscar con “Shakespeare in Love”, “The Aviator” e “The Young Victoria”), l’attore inglese Tim Roth (a Cannes lo abbiamo visto in “Grace di Monaco“), il regista palestinese Elia Suleiman (“Il tempo che ci rimane”) e il nostro amato Carlo Verdone.

La giuria di Venezia 71 si esprimerà sui venti titoli in competizione, assegnando il Leone d’Oro per il miglior film, il Leone d’Argento per la migliore regia, il Gran Premio della Giuria, le Coppe Volpi per la migliore interpretazione maschile e femminile, il Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergenti, il Premio per la migliore sceneggiatura e il Premio Speciale della Giuria.

La giuria della sezione Orizzonti sarà presieduta da Ann Hui (nel 2001 Deanie Ip ha vinto la Coppa Volpi per il suo “A Simple Life”), alla Mostra anche per presentare in chiusura “Huangjin shidai” (“The Golden Era”).

Con lei l’attrice israeliana Moran Atias, l’attrice e regista svedese Pernilla August, lo sceneggiatore, regista e produttore televisivo David Chase (“I Soprano”), il regista Mahamat-Saleh Haroun (nato in Ciad, lavora soprattutto in Francia), Roberto Minervini (“Stop the Pounding Heart”) e la critica cinematografica turca Alin Taşçiyan.

La giuria premierà i lungometraggi e i cortometraggi che vedremo in Orizzonti.

E veniamo infine alla giuria che sceglierà la migliore opera prima, tra tutte quelle presentate nelle varie sezioni della Mostra, assegnando il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” (100mila dollari).

La presidente sarà Alice Rohrwacher (Gran Premio della Giuria a Cannes con “Le meraviglie”). I suoi compagni, tutti registi, l’argentino Lisandro Alonso, il canadese Ron Mann, la cinese Vivian Qu e il rumeno Razvan Radulescu.

Fonte: La Biennale

Scroll To Top