Venezia 71, tutti i premi: Roy Andersson vince il Leone d’Oro

Si è appena conclusa la cerimonia di chiusura della Mostra del Cinema di Venezia 2014 condotta dalla madrina Luisa Ranieri.

La giuria del Concorso Ufficiale, presieduta dal compositore Alexandre Desplat, ha assegnato i seguenti premi:

Leone d’Oro per il miglior film: “A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence” di Roy Andersson
Leone d’Argento per la migliore regia: Andrei Konchalovsky per “The Postman’s White Nights
Gran Premio della Giuria: “The Look of Silence” di Joshua Oppenheimer
Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile: Adam Driver per “Hungry Hearts” di Saverio Costanzo
Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile: Alba Rohrwacher per “Hungry Hearts” di Saverio Costanzo
Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergenti: Romain Paul per “Le dernier coup de marteau” di Alix Delaporte
Premio per la migliore sceneggiatura: “Tales” (“Ghesseha”) di Rakhsahn Banietemad
Premio Speciale della Giuria: “Sivas” di Kaan Müjdeci

Ecco poi i premi della sezione Orizzonti, la cui giuria era guidata da Ann Hui (presente al Festival anche come autrice del film di chiusura “The Golden Era”):

Premio Orizzonti per il miglior film: “Court” di Chaytania Tamhane
Premio Orizzonti per la migliore regia: “Theeb” di Naji Abu Nowar
Premio Speciale della Giuria Orizzonti: “Belluscone. Una storia siciliana” di Franco Maresco
Premio Orizzonti per la miglior interpretazione maschile o femminile: Emir Hadzihafizbegovic per “These Are the Rules” (“Takva Su Pravila”) di Ognjen Svilicic
Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio: “Maryam” di Sidi Saleh

Il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” va infine a “Court” di Chaytania Tamhane (sezione Orizzonti).

Per la sezione Venezia Classici, il miglior documentario sul cinema è “Animata Resistenza“, dedicato a Simone Massi. Il miglior restauro è invece “Una giornata particolare” di Ettore Scola.

Scroll To Top