Venezia 75 | Il programma

È stato annunciato mercoledì 25 luglio il programma della 75esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (29 agosto – 8 settembre 2018), dal direttore artistico Alberto Barbera e dal presidente della Biennale Paolo Baratta.

CONCORSO
The Mountain di Rick Alverson (Usa)
Double Vies di Olivier Assayas (Francia)
The Sister Brothers di Jacques Audiard (Francia, Belgio, Romania, Spagna)
The Ballad of Buster Scruggs di Joel e Ethan Coen (Usa)
First Man di Damian Chazelle (Usa)
Vox Lux di Brady Corbet (Usa)
Roma di Alfonso Cuarón (Messico)
22 July di Peter Greengrass (Norvegia, Islanda)
Suspiria di Luca Guadagnino (Italia)
Werk Ohne Autor (Opera senza autore) di Florian Henkel Von Donnersmarck (Germania)
The Nightingale di Jennifer Kent (Australia)
The Favourite di Yorgos Lanthimos (Gran Bretagna, Irlanda, Usa)
Peterloo di Mike Leigh (Gran Bretagna, Usa)
Capri-Revolution di Mario Martone (Italia, Francia)
What You Gonna Do When the World’s on Fire di Roberto Minervini (Italia, Usa, Francia)
Napszállta (Tramonto) di László Nemes (Ungheria, Francia)
Frères ennemis di David Oelhoffen (Francia, Belgio)
Nuestro tiempo di Carlos Reygadas (Messico, Francia, Germania, Danimarca, Svezia)
At Eternity’s Gate di Julian Schnabel (Usa, Francia)
Acusada di Gonzalo Tobal (Argentina, Messico)
Zan (Killing) di Shinya Tsukamoto (Giappone)

ORIZZONTI
Kraben rahu (Manta ray) di Phuttiphong (Thailandia, Francia, Cina)
Soni di Ivan Ayr (India)
Ozen (Il fiume) di Emir Baigazin (Norvegia)
La noche de 12 años di Álvaro Brechner (Spagna, Argentina, Francia)
Deslembro di Flavia Castro (Brasile, Francia, Qatar)
Anons (The Announcement) di Mahmut Fazil Coşkun (Turchia, Bulgaria)
Sulla mia pelle di Alessio Cremonini (Italia)
Un giorno all’improvviso di Ciro D’Emilio (Italia)
Charlie Says di Mary Harron (Usa)
Amanda di Mikhaël Hers (Francia)
Yom adaatou zouli (The Day I Lost My Shadow) di Soudade Kaadan (Siria, Libano, Francia, Qatar)
L’enkas di Sarah Marx (Francia)
Tchelovek kotorij udivil vseh (The Man Who Surprised Everyone) di Natasha Merkulova, Aleksey Chupov (Russia, Estonia, Francia)
Kucumbu tubuh indahku (Memories of My Body) di Garin Nugroho (Indonesia)
Hamchenan ke mimordam (As I Lay Dying) di Mostafa Sayyari (Iran)
La profezia dell’armadillo di Emanuele Scaringi (Italia)
Erom (Stripped) di Yaron Shani (Israele, Germania)
Jinpa di Pema Tseden (China)
Tel Aviv on fire di Sameh Zoabi (Lussemburgo, Francia, Israele, Belgio)

FUORI CONCORSO
FICTION
Una storia senza nome di Roberto Andò (Italia, Francia)
Les estivants di Valeria Bruni Tedeschi (Francia, Italia)
A Star Is Born di Bradley Cooper (Usa)
Mi obra maestra di Gastón Duprat (Argentina, Spagna)
A Tramway in Jerusalem di Amos (Israele, Francia)
Un peuple et son roi di Pierre Schoeller (Francia, Belgio)
La quietud di Pablo Trapero (Argentina)
Dragged Across Concrete di S. Craig Zahler (Usa)
Ying (Shadow) di Zhang Yimou (Cina)
NON FICTION
A Letter To A Friend In Gaza di Amos Gitai (Israele)
Aquarela di Victor Kossakovsky (Gran Bretagna, Germania)
El pepe. Una vida suprema di Emir Kusturica (Argentina, Uruguay, Serbia)
Process di Sergei Loznitsa (Paesi Bassi)
Carmine Street Guitars di Ron Mann (Canada)
Isis, Tomorrow. The Lost Souls Of Mosul di Francesca Mannocchi, Alessio Romenzi (Italia, Germania)
American Dharma di Errol Morris (Usa, Gran Bretagna)
Introduzione all’oscuro di Gastón Solnicki (Argentina, Austria)
1938 diversi di Giorgio Treves (Italia)
Ni de lian (Your Face) di Tsai Ming-liang ( Taipei Cinese)
Monrovia, Indiana di Frederick Wiseman (Usa)

FUORI CONCORSO – EVENTI SPECIALI
They’ll Love Me When I’m Dead di Morgan Neville (Usa)
The Other Side of The Wind di Orson Welles (Usa)

Scroll To Top