Wachowski, dopo Lana anche Lilly si svela transgender

Le conoscevamo come i fratelli Larry e Andy Wachowski, creatori della saga di Matrix. La prima a dichiararsi pubblicamente come transgender e ad affrontare la transizione da un genere all’altro è Larry/Lana nel 2012. Oggi sappiamo che anche Andy, scegliendo il nuovo nome di Lilly, l’ha seguita.

Lilly Wachowski ha rilasciato una lunga dichiarazione (consultabile integralmente qui) nella quale spiega di aver optato per un coming out diretto dopo aver ricevuto numerose e poco delicate richieste di giornali, tra cui il Daily Mail, che insistevano per pubblicare articoli sulla sua transizione, ricordando come l’outing forzato possa avere gravi conseguenze sulla psiche delle persone transgender.

«Essere transgender non è facile — dice Lilly Wachowski — Viviamo in un mondo in cui la divisione binaria tra i generi è molto netta. Questo significa che, come transgender, devi accettare di vivere per tutta la vita in un mondo che ti sarà ostile. Io sono fortunata. Ho il sostegno della mia famiglia e mi sono potuta permettere dottori e terapie che mi hanno consentito di sopravvivere a questo processo. Non tutti sono così fortunati».

Il tema dell’identità transgender è anche al centro di uno degli ultimi lavori delle Wachowski, la serie “Sense 8” prodotta da Netflix. E Eddie Redmayne, interprete della transgender Lili Elbe in “The Danish Girl”, ha raccontato come le discussioni con Lana, che l’ha diretto in “Jupiter Ascending”, gli siano state molto utili per costruire il personaggio.

Fonte: windycitymediagroup.com

Scroll To Top