WGA Awards 2015, le nomination

Dopo gli attori e i produttori, anche il sindacato americano degli sceneggiatori, la Writers Guild of America, ha espresso le proprie preferenze sulla stagione cinematografica appena conclusa annunciando le nomination dei WGA Awards 2015.

La Writers Guild of America applica un regolamento piuttosto rigido (relativo soprattutto alle caratteristiche contrattuali) per stabilire quali sceneggiature possano essere considerate in vista dei premi e quest’anno sono rimasti fuori diversi titoli , come “Selma”, “Birdman”, “La Teoria del Tutto” e “Mr. Turner”.

Ecco le cinquine dei candidati ai WGA Awards:

Miglior sceneggiatura originale
• Richard Linklater per “Boyhood
• E. Max Frye e Dan Futterman per “Foxcatcher
• Wes Anderson per “The Grand Budapest Hotel
• Dan Gilroy per “Lo Sciacallo – Nightcrawler
• Damien Chazelle per “Whiplash

Miglior sceneggiatura non originale
• Jason Hall per “American Sniper“, basata sul libro scritto da Chris Kyle con Scott McEwen e Jim DeFelice
• Gillian Flynn per “L’amore bugiardo – Gone Girl“, basata sul romanzo della stessa Flynn
• James Gunn e Nicole Perlman per “Guardiani della Galassia“, basata sui fumetti Marvel di Dan Abnett e Andy Lanning
• Graham Moore per “The Imitation Game“, dal libro “Alan Turing: The Enigma” di Andrew Hodges
• Nick Hornby per “Wild“, dal libro di Cheryl Strayed

Miglior sceneggiatura per un documentario
• John Maloof e Charlie Siskel per “Alla ricerca di Vivian Maier – Finding Vivian Maier”
• Brian Knappenberger per “The Internet’s Own Boy: The Story of Aaron Swartz”
• Mark Bailey e Kevin McAlester per “Last Days in Vietnam
• Gabe Polsky per “Red Army”

I premi saranno assegnati il 14 febbraio.

Scroll To Top